Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Terre alte – Steve McCurry a Trento

Fino al 19 settembre sarà possibile visitare presso il Palazzo delle Albere di Trento la mostra dedicata al fotografo Steve McCurry. Quello della celeberrima Ragazza afgana, per intendersi. “Afghanistan, Tibet, Mongolia, Giappone, Brasile, Birmania, Filippine, Marocco e Yemen sono i luoghi protagonisti di una collezione di centotrenta fotografie (in parte inedite) che attraversano l’intera carriera dell’artista”. Così recita il pannello introduttivo della mostra, che si sviluppa su due piani ed è impreziosita dalla “Icons Room”, in cui viene ripercorsa attraverso 11 scatti l’intera opera di McCurry.

Merita un breve approfondimento proprio la Ragazza afgana, uno degli 11 scatti scelti per la “Icons Room”. McCurry fotografa la ragazza – allora dodicenne – nel 1984. La trova in un campo profughi in Pakistan, dove si era diretto con l’intento di documentare per il National Geographic gli effetti devastanti della stagione monsonica. La foto, scelta come copertina della rivista, ebbe subito grandissima fortuna, tanto da essere oggi una delle foto più note al mondo. McCurry volle ritrovare la ragazza e ci riuscì nel 2002. Sharbat Gula – così si chiama – vive in Afghanistan ed è madre di tre figlie. La fama generata dal ritrovamento ha fatto sì che il National Geographic potesse allestire un’organizzazione oggi nota come “Afghan Children’s Fund”, che ha lo scopo di garantire a bambini e bambine afgane il diritto all’istruzione.

Perché Steve McCurry ha avuto così successo nel mondo? La risposta può trovarsi proprio nell’antologia fotografica che i curatori della mostra hanno formato. La fotografia di McCurry è così celebre perché dialoga intimamente con lo spettatore. Perché annoda all’opera chi ne fruisce. Perché è onesta. McCurry documenta crisi ambientali, differenze sociali, soprusi umani. E nel farlo ci spinge a un esame di coscienza. Gli occhi dei soggetti fotografati – tenete a mente ancora come esempio quelli della Ragazza afgana – scandagliano l’anima di chi li osserva. La loro purezza, la loro dignità, la loro forza magnetica svelano le nostre contraddizioni e aprono squarci nell’orizzonte di idee di ognuno. Insomma, la fotografia di McCurry è come un viaggio: è incontro culturale, scontro, sintesi, crescita.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022