Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

St.Vincent, un film che evoca il fantasma di Bukowski

Prendete un veterano di guerra invecchiato, burbero e alcolista di nome Vincent. Avete problemi a immaginarvelo? Vi do un aiutino: fatelo assomigliare a Charles Bukowski. Fatto? Bene, adesso prendete un bambino dodicenne e chiamatelo Oliver. Qui vi basterà pensare a un marmocchio molto timido, che se non sta attento, si fa spaccare il setto con una carezza. Ora fateli incontrare, diventare vicini di casa e non ultimo l’uno il baby sitter dell’altro. Mischiate il tutto e otterrete St.Vincent, ossia uno dei film più riusciti dell’anno.

Protagonista principale è lo strepitoso Bill Murray, che torna al cinema dopo aver recitato nel secondo film più bello dell’anno Grand Budapest Hotel.

Nelle ore in cui Maggie (mamma di Oliver e nuova vicina di Vincent) è a lavoro, quest’ultimo è costretto a badare al figlio. Ma le sue idee di doposcuola includono ippodromi e strip club «gli sto mostrando come funziona il mondo: lavori, sei pagato, bevi», alla fine la strana coppia incomincia ad aiutarsi a vicenda. Una sorta di Quasi amici, rivisitato in chiave americana.

La sceneggiatura è stata scritta nel 2011 dall’esordiente Theodore Melfie e inserita nella BlackList di Hollywood tra le migliori sceneggiature non ancora prodotte. Per il ruolo di Vincent era stato inizialmente scelto il grande Jack Nicholson maBill Murray prese il suo posto nel 2012. E la scelta, devo dire, è stata ottimale.
Il film ha avuto la sua prima mondiale durante il Toronto International Film Festival 2014, dove è arrivato secondo al People’s Choice Award.
Ah, dimenticavo. La colonna sonora è davvero superlativa. Il mio pezzo preferito: Start a war dei The National. Non vi resta che scoprirlo! Buona visione!

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024