Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Sonic Highways

Ad appena due anni dall’ultimo album, i Foo Fighters tornano nuovamente alla ribalta della scena rock internazionale con un nuovo lavoro di studio: Sonic Highways. Sotto la supervisione del fidato Butch Vig, che in passato ha contribuito come produttore al successo, tra i tanti, di Nevermind dei Nirvana e Siamese Dream degli Smashing Pumpkins, Sonic Highways è un puro concentrato rock in stile Foo’s: energico, veloce, urlato e melodico.

Anticipato dal singolo Something from nothing, l’album pubblicato i primi giorni di novembre sta lentamente scalando le classifiche internazionali attestandosi, in molti casi, nelle posizioni di vertice. Merito probabilmente, anche della particolare forma di promozione scelta dalla band di Seattle. Diversi mesi prima della release ufficiale i musicisti hanno iniziato infatti a esibirsi sotto falso nome in piccoli club nordamericani ed europei suscitando, come previsto, l’enorme clamore del pubblico in sala; al resto poi ci hanno pensato i social media, con la diffusione quasi in tempo reale delle varie performances. Sicuramente un modo inusuale di proporsi al pubblico che però, guardando i risultati commerciali, sembrerebbe funzionare davvero bene. Quel che è certo, tuttavia, è la volontà del gruppo e del leader Dave Grohl (già batterista dei Nirvana) di mantenere con il pubblico un rapporto quanto più diretto e sincero possibile, un approccio “vecchia scuola” che riporta alla memoria i fasti del grunge anni ’90, quando anche le formazioni più affermate non disdegnavano a fine concerto una bevuta con i propri sostenitori.

Una curiosità sull’album riguarda la composizione lirica delle tracce: ognuna delle 8 canzoni è stata registrata in luoghi diversi che, come lo stesso Grohl ha affermato, hanno contribuito con la loro storia e la loro musica (presente e passata) a ispirare l’intero progetto; le canzoni vanno quindi a rappresentare un vero e proprio tributo alla storia di città come Chicago, Austin, New Orleans, New York e, ovviamente, Seattle. Ancora non è chiaro se i Foo Fighters si esibiranno anche in Italia; chissà che non lo facciano ancora in incognito.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024