Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Sanremo 2022 – Il pagellone della quarta serata (Secondo Tempo)

Leggi il primo tempo del Pagellone.

Non vi abbiamo abbandonato. Visti i primi undici cantanti che si sono esibiti, vediamo come sono andati gli altri. Eccovi quindi la seconda parte del pagellone della quarta serata!

DITONELLAPIAGA e RETTORE – Nessuno mi può giudicare (di Caterina Caselli). L’energia che infondono al brano è tanta, ma in fin dei conti è simile a quella della canzone originale. Che cosa aggiungono? Poco o niente. Sinceramente ci aspettavamo un guizzo in più da due cantanti scatenate come loro. Voto: 6.5

IVA ZANICCHI – Canzone (di Don Backy nella versione di Milva). Dopo aver sentito alcuni versi di Canzone, non stupisce che Iva Zanicchi l’abbia scelta per questa serata: suona molto simile alla sua Voglio amarti in concorso al Festival. Solita voce spinta e grintosa. Voto: 7

ANA MENA con ROCCO HUNT – Medley. Rispetto al brano che porta in concorso, anche la lista della spesa fatta stamattina sotto casa suonerebbe migliore. Canta alcuni dei brani più celebri e ballabili della tradizione musicale italiana. Non può non funzionare. Voto: 6

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA con COSMO, MARGHERITA VICARIO e GINEVRA – Be my baby (The Ronettes). Rimandata a settembre. La deviazione psichedelica data al brano non convince affatto. Voto: 5

MASSIMO RANIERI con NEK – Anna verrà (di Pino Daniele). Ricordate lo sketch in cui Rocco Tanica prende in giro Ivano Fossati? Recuperatelo, e poi ascoltate Ranieri e Nek: capirete tutto. Se io ho avuto il tempo di pensare a queste cose, immaginate il livello dell’esibizione: sembra non abbiano nemmeno fatto una prova insieme. Voto: 4

MICHELE BRAVI – Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi (di Lucio Battisti). Se si superano le perplessità sulla sua voce, non c’è dubbio che l’interpretazione di Bravi sia intensa. In più la canzone è bellissima e questo non guasta mai. Mezzo voto in più per la dedica finale ai nonni. Voto: 7.5

MAHMOOD e BLANCO – Il cielo in una stanza (di Gino Paoli). Bravissimi e oltremodo convincenti. E che voce, Mahmood. Che voce! Potrebbe smuovere mari e monti. Voto: 9

RKOMI con CALIBRO 35 – Medley. Inascoltabile. Voto: 4

AKA 7EVEN con ARISA – Cambiare (di Alex Baroni). Arisa e Aka 7even si conoscono da tempo e l’amicizia tra i due si riflette nella chimica che mostrano sul palco. L’esibizione è solida e ben realizzata e si fa apprezzare di più specie se si considera quella precedente. Voto: 7

HIGHSNOB e HU con MR RAIN – Mi sono innamorato di te (di Luigi Tenco). Prima il pugno nello stomaco dell’intro rappeggiante. Poi la pugnalata dell’attacco lagnante e stonato di Highsnob. Una cover orripilante: pensata malissimo, cantata peggio. Voto: 4

DARGEN D’AMICO – La bambola (di Patty Pravo). Ma da dove viene ‘sta mania sanremese di remixare orribilmente brani del passato, dissacrandoli in maniera impietosa? Non è questione di conservatorismo, ma di rispetto. E Dargen D’Amico, di rispetto per Patty Pravo, ne ha avuto pochissimo. Voto: 5

GIUSY FERRERI con ANDY dei BLUVERTIGO – Io vivrò senza te (di Lucio Battisti). Vista l’ora, evitiamo giri di parole: Giusy Ferreri si è esibita meglio durante le altre sere del Festival. Ha una voce potente ed estremamente caratteristica, non adatta a tutte le canzoni. Quella di Battisti non è tra queste. Voto: 5.5

FABRIZIO MORO – Uomini soli (dei Pooh). Il problema di Moro è che o canta canzoni sanremesi calme e posate – come quella in concorso – oppure canta male. Stasera il brano scelto avrebbe avuto bisogno di un briciolo di energia, ma Moro s’è perso, abbandonato anche dalla voce. Voto: 5

TANANAI con ROSA CHEMICAL – A far l’amore comincia tu (di Raffaella Carrà). Siamo già abituati a remix della celebre canzone di Raffaella Carrà, per cui Tananai non stupisce nemmeno troppo. Rimane l’annosa domanda: perché? Voto: 5

Finisce qui la serata delle cover e dei duetti, vinta da Gianni Morandi e Jovanotti (con estrema soddisfazione di chi scrive). Appuntamento a domani per il gran finale!

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022