Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Recensione allo spettacolo “Ero”

di César Brie

Tutte le informazioni sullo spettacolo

banner

Sono un inguaribile romantico, lo sono sempre stato, per cui non potevo rimanere insensibile di fronte ai racconti di César Brie a proposito della madre scomparsa ed assente pure in vita, davanti al resoconto del padre, morto prematuramente, della nonna-angelo, e del sé stesso bambino, addirittura da sotterrare, metaforicamente.

Tuttavia, dopo la prima commozione, è subentrata la razionalità che non ha trovato, nell’intero spettacolo, un filo conduttore del tutto convincente e che ha avvertito l’assenza di un qualcosa (e questa volta non si tratta di persone).

Il teatro all’italiana, che non permette al pubblico di circondare l’attore, di certo non aiuta l’immedesimazione e non permette probabilmente allo spettatore di capire al meglio le ragioni della scenografia, i movimenti in scena, il perché dei sentieri tracciati sul palcoscenico; comunque questo non basta, dal mio punto di vista, a giustificare il senso di incompletezza, quel “bravo, però…”.

Perché, comunque, Brie recita bene, scrive bene i suoi testi (peraltro traducendoli dallo spagnolo in uno stimolante italiano), presenta delle trovate azzeccate: come quando “indossa” i vestiti dei suoi cari e, mediante fili per stendere e grucce, li fa poeticamente danzare e fa sì che le loro mani ancora una volta si sfiorino.

Insomma, caro Brie, devo tornare a vederti.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022