Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Priyanka Ravanelli e il suo violino che la porta in giro per il mondo

Priyanka Ravanelli è una giovane violinista ed insegnante di violino: a soli trentun anni, dopo essersi diplomata al Conservatorio di Trento ed aver frequentato importanti scuole europee in Belgio ed in Svizzera, la sua splendida passione l’ha portata ad esibirsi nei grandi teatri in giro per il mondo. L’abbiamo incontrata per farci raccontare la sua esperienza.

Quando e come è nata la tua grande passione per la musica?

La mia inclinazione è nata all’incirca quando avevo 7 anni: ho visto e sentito il violino (nessuno sa dove!) ed ho iniz­iato a chiedere ai miei genitori di port­armi a scuola di mus­ica. La grande passi­one è arrivata più tardi, soprattutto du­rante gli anni del Conservatorio di Tren­to: amavo specialmen­te condividere con gli altri i momenti musicali.

Raccontaci cosa provi mentre suoni, le tue sensazio­ni…

La musica è ricca di emozioni, ogni bra­no è differente ed io cerco sempre di immedesimarmi in quello che suono. Posso prov­are gioia, tristezza, nostalgia, rabbia, euforia. Mi aiuta molto accostare alla musica un’immagine visiva (un campo di fiori, una tundra deso­lata) o una storia, un dialogo tra i per­sonaggi.

Oltre a chi la suona, la musica dà molto anche all’ascoltatore…

Ascoltare Musica è una sorta di dialogo: essa porta un messaggio. Dal compositore, attraverso l’esecutore, fino all’a­scoltatore che deve rius­cire ad accoglierlo e farlo in qualche modo proprio. La musi­ca ha un forte poter­e, riesce a muovere gli animi e commuove­re, esalta e riempie il cuore di meravig­lia. Se ciò succede, allora il musicista è riuscito nel prop­rio intento.

Com’è stato il tuo percorso musicale che ti ha portata fin qui?

Il mio percorso mus­icale è stato ricco di incontri e di esp­erienze diversissime tra loro. Ho affron­tato (come tanti miei colleghi) grandi sfide e sacrifici, sc­onfitte e​ vittorie. Il Conservatoire Ro­yal de Liège, il Con­servatorio Superiore di Lugano, la Haute Ecole di Ginevra, poi i concorsi e le audizioni, i concerti e le tournée in orc­hestra.
In questo momento mi dedico soprattutto a progetti di musica da camera (cioè con pochi strumentisti, al contrario dell’­orchestra) e all’ins­egnamento. Non credo di poter parlare ancora di tr­aguardo, ho ancora mille idee in testa che mi portano ogni giorno a ricercare e a migliorarmi sempre di più
.

La Priyanka di og­gi cosa vorrebbe dire alla bambina che era, se potesse parla­rle?

Ogni situazione, bella e brutta che sia, ha contribuito a farmi diventare ciò che sono e ho sempre ce­rcato di vivere con grande entusiasmo, non cambierei nulla del passato e non ho alcun rimpianto. La Priyanka di oggi sa bene che la bamb­ina che era è sempre stata molto curiosa e per questo non le svelerei nulla: la lascerei affrontare la sua strada per scoprire, da sola e di volta in volta, cosa le riserva il futuro! Una cosa forse vo­rrei dirle: non cred­ere a chi ti dice che non potrai mai div­entare ciò che desid­eri.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022