Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Pacific rim

Recensione

Diciamolo pure, se siete cresciuti con gli epici scontri televisivi tra robottoni giapponesi dai nomi improbabili e super mostri spaziali tanto devastanti quanto inesorabilmente destinati a soccombere, allora questo è il film che fa per voi. Non rientrate nel caso di specie? Nessun problema, il film è pur sempre un valido blockbuster, risultando godibile anche per il pubblico meno interessato agli scontri intergalattici, alle interazioni uomo-macchina e alla mitologia che permea non solo la pellicola in questione ma lo stesso “genere” cinematografico, qui ben rappresentato e per certi versi omaggiato. Alla regia Guillermo del Toro, una vera e propria garanzia di qualità. Autore maniacale e perfezionista, collezionista compulsivo di memorabilia cinematografici per lo più legati al fantasy (ha comprato una villa il cui unico scopo è quello di contenerli tutti); ogni opera da lui firmata risente di uno stile inconfondibile fatto di dettagli curati nei minimi aspetti, citazioni e un mal celato gusto per l’horror. Il ruolo del protagonista è affidato a Charlie Hunnam che, parcheggiata in garage l’Harley della serie tv Sons of Anarchy, si mette ai comandi di un robot a propulsione nucleare alto 80 metri (Jaeger nel film) per fronteggiare la minaccia aliena dei Kaiju, emersi da un portale interdimensionali aperto in una faglia dell’oceano Pacifico e determinati a conquistare la Terra distruggendo ogni cosa al loro passaggio. Fin qui la trama non presenta niente di così innovativo: la classica contrapposizione del bene al male, la solitudine dell’eroe, il coraggio di fare la scelta giusta e così via. La peculiarità del film risiede, però, in almeno due elementi. In primo luogo la forza visiva con cui ci appaiono tanto gli Jaeger, nella loro imponenza meccanica, tanto i Kaiju nella loro brutalità e mostruosità; i loro scontri sono vere e proprie risse alla “vecchia maniera” in cui anche una nave mercantile (!) può diventare un’arma non convenzionale con cui infierire sull’avversario. E poi la natura stessa degli Jaeger, macchine potenti ma sferraglianti, assemblate e riparate in hangar/officine da operai con elmetto e tuta da lavoro; è forse questo approccio quasi artigianale alla sofisticata tecnologia dei robot a renderli così concreti e per così dire, verosimili. Arrugginiscono, perdono pezzi, incassano colpi a più riprese, spesso fanno anche una pessima fine. Ma come certi vecchi pugili non si arrendono, provano in tutti i modi a restare in piedi e, in fin dei conti, non si può non tifare per loro. Tra imprevisti, scontri e battute a effetto Pacific Rim si è dimostrato, anche al botteghino, in grado di attrarre un pubblico ampio e variegato e c’è già nell’aria profumo di sequel. Per alcuni due ore di svago, per altri un salto nel proprio passato di divoratori di fumetti e cartoni animati giapponesi. Attenzione, infine, ai titoli di coda.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024