Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Oscar 2022: che diavolo è successo?

Gli Oscar vanno in soffitta per altri dodici mesi: appuntamento a febbraio-marzo 2023. O così, almeno, avrebbe sperato di poter dire l’Academy stamattina. E invece Will Smith ha deciso che valesse la pena tentare di tenere alto il buzz attorno alla cerimonia un po’ più a lungo. Donde l’abietto cazzotto tirato a Chris Rock e le conseguenze che questo avrà nei prossimi giorni in primis sullo stesso Smith. Ma su questo non mi soffermo. Cercherò piuttosto di fotografare la 94esima cerimonia degli Oscar da un punto di vista meramente cinematografico. Chi ha vinto? Chi ha perso?

Cominciamo subito sgombrando il tavolo dalla necessità di dare giudizi netti e generali: anche quest’anno la cerimonia degli Oscar non ha brillato per ritmo e divertimento. Troppe le lungaggini, troppo il cringe (cioè il cercare di far ridere a tutti i costi). Sempre meno persone seguono la diretta televisiva degli Oscar e, nonostante il tentato cambiamento (nessun presentatore, un presentatore, tre presentatrici, nuova location, vecchia location ma nuova disposizione dei posti), sembra mancare la volontà di cambiare veramente.

A una cerimonia trita e noiosa (pepata da radi momenti, come il sopracitato alterco Smith-Rock) si aggiunge un’annata cinematografica piuttosto fragile. Le premiazioni hanno riflesso perfettamente la diffusa debolezza dei film in gara. Nelle categorie principali nessuno si è imposto con nettezza: i giurati hanno preferito distribuire i premi in maniera abbastanza equa, cercando di accontentare tutti. I segni del cuore – CODA ha vinto come miglior film, mentre Jane Campion si è aggiudicata l’Oscar per la miglior regia grazie a Il potere del cane. Molto prevedibili i premi dati agli attori e alle attrici: Will Smith (protagonista in Una famiglia vincente) e Troy Kotsur (non protagonista in I segni del cuore – CODA), Jessica Chastain (protagonista in Gli occhi di Tammy Faye) e Ariana DeBose (non protagonista in West Side Story). Le due sceneggiature – originale e non originale – sono andate rispettivamente a Belfast (scritto e diretto da Kenneth Branagh) e a I segni del cuore – CODA (scritto e diretto da Sian Heder).

Il mastodontico film fantascientifico di Denis Villeneuve, Dune, si accaparra quasi tutti gli Oscar tecnici: miglior fotografia, colonna sonora, montaggio, effetti speciali, scenografia e sonoro. Nessuno è riuscito a vincere altrettante statuette quest’anno. Una parziale sorpresa in ambito sonoro: Encanto non è riuscito a vincere l’Oscar per la migliore canzone (Dos Oruguitas), che è andato invece a Billie Eilish e a Finneas O’Connell per No Time To Die. È rimasta completamente a bocca asciutta l’Italia. Molta attesa (ma poche speranze) c’era in particolare per la categoria del miglior film internazionale, nel quale compariva anche È stata la mano di Dio. L’Oscar è però andato al giapponese Drive my car.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022