Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Murubutu, quando il professore diventa rapper (e viceversa)

“Murubutu” deriva da “Marabutto”, vocabolo che nell’Africa sub-sahariana indica una figura in grado di guarire mali fisici e sociali grazie al potere terapeutico delle parole. Alessio Mariani in arte Murubutu ha scelto un bellissimo nome d’arte per riassumere lo scopo della sua musica: comunicare e commuovere con le parole.

Docente di filosofia e storia presso il Liceo Matilde di Canossa di Reggio Emilia, Murubutu sa coniugare alla perfezione ambiente scolastico e musicale senza mai rinunciare né all’una né all’altra dimensione, scrivendo testi ricercati, poetici e intrisi di citazioni letterarie. La sua fama di “professore del rap” ormai lo precede, al punto tale che uno dei suoi album è interamente dedicato all’Inferno dantesco.

Infernvm (2020) è l’apice della collaborazione tra il professore e Claver Gold, anch’egli dedito a un rap intimista e dalle liriche ricercate. Si tratta di un concept che ripercorre i passi di Dante Alighieri nella prima cantica della “Commedia”. Non è la prima volta che un rapper guarda al poeta fiorentino (ascoltare Argenti Vive di Caparezza per credere), ma è la prima volta che accade in maniera così strutturata. Infatti, il progetto dei due parolieri è profondo, studiato, ma allo stesso tempo non meramente didascalico come ci si potrebbe aspettare da una trasposizione della “Divina Commedia”.

Di solito, però, Murubutu incentra i propri dischi sugli elementi naturali. Nel 2019, per esempio, scrisse Tenebra è la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli, forse il suo lavoro più riuscito. È il quinto concept album e, come gli altri, è un ottimo esempio di conscious rap, cioè di quel sottogenere dell’hip-hop che si dedica alla creazione di consapevolezza e alla diffusione di conoscenza. Lo si capisce subito ascoltando Wordsworth e La notte di San Bartolomeo: la prima è una traccia folk-rap che vanta la collaborazione del grande e sopracitato Caparezza e che è dedicata a uno dei padri del Romanticismo inglese, William Wordsworth; la seconda invece affronta un evento storico, ovvero la strage compiuta la notte tra il 23 e il 24 agosto 1572 a Parigi, da parte della fazione cattolica ai danni degli Ugonotti. L’intreccio perfetto tra rap e cantautorato.

Il 14 gennaio 2022, invece, è uscito il suo ultimo disco: Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali. Protagonista, ça va sans dire, la pioggia. Non è un album immediato e già questo, di per sé, è un punto a favore, in questi tempi di musica liquida usa e getta. La complessità si esplica nel ruolo stesso della pioggia, usata come una sorta di vettore spazio-tempo le cui gocce scandiscono i cambiamenti nel tempo e nello spazio. Ci sono brani dedicati al passato (Il migliore dei mondi), al presente (Temporale) e al futuro, in questo caso distopico (Black Rain).

Raffinato e mai scontato, Murubutu è uno degli artisti più interessanti del panorama musicale italiano contemporaneo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023