“Il movimento del mondo” di Parag Khanna: il futuro delle migrazioni spiegato da un consulente strategico globale

Parag Khanna è uno dei massimi esperti del mondo contemporaneo. Politologo e consulente strategico globale, lo studioso indo-americano è autore di numerosi bestseller – tra cui I tre imperi , Come si governa il mondo, Connectography, La rinascita delle città-Stato e Il secolo asiatico? – che si pongono l’ambizioso obiettivo di spiegare i concetti chiave della società attuale. Nel 2021, nel pieno della pandemia da COVID-19, Parag Khanna ha pubblicato Il movimento del mondo, un’affascinante analisi sul futuro delle migrazioni.

Sembra paradossale scriverlo in un momento in cui le frontiere del mondo sono tornate a chiudersi, eppure l’autore sostiene che il mondo del futuro sarà più mobile che mai. Le forze che spingono le persone a muoversi non sono state affatto annullate dalla pandemia e, anzi, permangono e sono in forte accelerazione. Squilibri demografici e carenza di manodopera, sconvolgimenti politici, crisi economiche, evoluzioni tecnologiche e cambiamenti climatici caratterizzano più che mai gli anni che stiamo vivendo e spingono le persone ad adottare una visione più fluida della propria identità e del proprio radicamento locale.

Di fronte a questa previsione di intensa mobilità, Parag Khanna si pone alcune interessanti domande: quali saranno le aree da cui le persone fuggiranno e verso quali aree migreranno? Quali saranno gli Stati e le città chiave del futuro? Quali quelli in declino? Che logica seguiranno i flussi migratori?

Secondo l’autore la sfida principale del futuro sarà quella di spostare le persone nei luoghi in cui si trovano le risorse e le tecnologie. Il dibattito futuro sulla migrazione deve quindi mettere da parte i nazionalismi storici e culturali e guardare alla geografia umana basandosi sui concetti di domanda e offerta: di chi abbiamo bisogno, dove ne abbiamo bisogno. Questa è l’unica vera via affinchè il mondo si avvii verso un periodo di virtuoso sviluppo.

Parag Khanna ha la straordinaria capacità di fare ordine nel caos delle dinamiche del mondo contemporaneo, restituendo al lettore una visione completa della realtà. Il tono del saggio è incalzante e mai noioso, i concetti sono spiegati in maniera chiara, ma senza semplificazioni o banalizzazioni. Consigliato a tutti i lettori che sentono il bisogno di capire a fondo la società contemporanea e che sognano di fare un salto nel suo futuro.

Articolo realizzato nell’ambito del percorso esperienziale del Media Contest presso la testata UnderTrenta.it

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra rubrica "Underword", un approfondimento dedicato alle cosiddette parole intraducibi ...
  • Il quarto appuntamento della nostra rubrica "L'atleta del mese" è dedicato a Sara Simeoni, campi ...
  • Continua il percorso di UnderTrenta alla scoperta dei percorsi del Bando Generazioni 2021: oggi r ...
  • Festival dello Sport, Lilian Thuram contro la “trappola” del razzismo: una lezione di sport e ...
  • Per la nostra rubrica "Giovani e lavoro" abbiamo intervistato Davide Penna, giovane titolare dell ...
  • Per la nostra sezione Cultura, proponiamo la recensione del libro “Il movimento del mondo” di ...

domenica 24 Ottobre 2021