Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’attimo fuggente … e la sua permanente ombra

L’attimo fuggente … e la sua permanente ombra

Accade ogni tanto che io mi immerga nel mio pensiero, nelle immagini che esso può partorire, combinando ricordi, fino alla completa alienazione di me stesso. Io ci sono, non scompaio, ma sono dietro una telecamera, dietro un occhio goloso di realtà che ispeziona e segue, curioso, ogni cosa. O meglio, io sono dietro ogni momento, ma non ne sono l’autore completamente; molto spesso mi lascio trascinare dai frammenti di memoria.
 
 
 
 
 

Oggi volevo condividere con te questa immagine, sappi che sono un pittore pigro: poche pennellate e molte sensazioni in questi casi.
Worthing (che per chi non l’ha vista ha la tranquillità di Trento e il mare della parte poco frequentata di Cesenatico, solo con sassi ed enormi gabbiani). Autunno. Come lo capisci? L’agrodolce delle foglie in decomposizione. Se l’inverno è la madre di tutte le stagioni, l’autunno è la nonna: tutto deve partire da quella luce dorata, rifratta ovunque dalle fronde.
In questo sogno, tra le foglie rosse e il legno di indefinite e innumerevoli sfumature marroni, è seduta una ragazza dai capelli neri e i denti bianchissimi. Ride, si muove continuamente. Gli occhi suoi sono mobilissimi e scuri. Davanti a lei c’è un uomo che la fissa, nonostante le sue prorompenti forme (ebbene forse un pelo esagerate, ma non importa), direttamente in viso. Perché non la guardi “tutta” non lo so, probabilmente perché tutta una persona è troppa da guardare e ora si sta concentrando su quello che da dentro di lei si manifesta fuori. Lui sembra molto contento. Gioia immensa, condivisione.
Scena. Buio. L’attimo è finito. Loro dove sono? Potrebbero essere anche morti: non ne ho più notizie da molto tempo. Quell’attimo permarrà nel mio ricordo, ma solo come ombra: nella realtà non c’è più, anche se ci fu.
Quanto di quello che c’è scritto è accaduto? Chissà, ma mi piace pensare di aver inventato poco.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022