Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“La montagna: istruzioni per l’uso” di Christian Pezzolato

Fare trekking sembra facile: con uno zaino che contiene tutto l’essenziale, un outfit adeguato e degli scarponcini comodi, appare un gioco da ragazzi. Se, però, non ci curiamo di tutte quelle regole di comportamento che a prima vista possono sembrare insignificanti, la montagna può diventare un luogo impervio, se non addirittura pericoloso.

Questo messaggio viene trasmesso in modo forte e chiaro nei sette minuti del cortometraggio di Christian Pezzolato intitolato “La montagna: istruzioni per l’uso”. Con un linguaggio ironico, che mette a confronto due turisti opposti, l’autore ci mostra chiaramente come comportarsi – e soprattutto come non comportarsi – quando si percorrono i sentieri sterrati.

Girando il video con riprese volutamente grossolane, il regista riesce a dare risalto ai contenuti più importanti senza distrarre il pubblico con eccessive “sofisticatezze” tecniche o retoriche. In questo modo, trasmette delle informazioni importanti intrattenendo anche il pubblico più distratto (in montagna e davanti al grande schermo), del quale cattura immediatamente l’attenzione.

La trama è molto semplice ed essenziale. Oltre all’abbigliamento adeguato, alle provviste e a tutto il materiale indispensabile da avere appresso, il bravo escursionista presta molta attenzione ai sentieri da percorrere, seguendo tutte le indicazioni fornite dalle istituzioni e dagli enti che si prendono cura degli altipiani. Inoltre, mantiene puliti i sentieri in cui si cammina o i prati in cui sosta per tirare il fiato, senza recar danno alla flora e alla fauna.

Anche la tematica del rispetto nei locali – allevatori o proprietari dei rifugi che siano – non è sfuggito agli occhi di Christian Pezzolato: il primo suggerimento è quello di non disturbarli nelle loro attività lavorative, approcciando coi loro animali o chiedendo piatti “instagrammabili” e difficilmente realizzabili in alta quota.

L’umorismo che lo contraddistingue è il vero filo conduttore di questa sorta di “manuale d’istruzioni” e rende la narrazione semplice a chi non conosce la montagna e necessita di una guida che parta proprio dalle basi. Esprime, però, anche dei concetti adatti anche agli escursionisti più “esperti”, che si divertono ripassando delle regole già conosciute e rammentano quelle che, per automatismo o imprudenza, rischiano di essere dimenticate. Per questo motivo consigliamo la visione di questo cortometraggio a tutti: in particolar modo a chi ama la montagna e a chi apprezza il cinema “ibrido” che si destreggia tra più generi, come ad esempio tra lo sperimentale e la commedia.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024