La libreria del buon romanzo di Laurence Cossé

La libreria del buon romanzo di Laurence Cossé

Un angolo di paradiso. Questa è la prima impressione che si ha de La libreria del buon romanzo. E che dire poi dei suoi proprietari: Francesca l’ereditiera, nascosta dentro gli uffici, e Ivan il libraio, entusiasta nel dar consigli a tutti i suoi clienti e sempre pronto a dire che Georg, il suo cognome, suona in francese come gai orgue, “organo di buonumore”. Personaggi a cui ci si affeziona al punto di dispiacersi per non averli come amici.

Sono un personaggio (non) qualsiasi di un libro scelto (non) a caso.

I sogni universali probabilmente non esistono: il mondo, altrimenti, si impegnerebbe a realizzarli con maggiore efficacia. Certamente ci sono però dei sogni condivisi e condivisibili da molte persone con interessi comuni. Il desiderio di ogni lettore appassionato di narrativa: tanti libri belli messi insieme, accuratamente scelti non a caso, a confermare che «di tutte le funzioni della letteratura, una delle più felici è far riconoscere e parlare tra loro persone nate per capirsi». La struttura sarebbe quella di un giallo, perché il negozio che desta invidia per il suo successo è avvolto di intrighi e misteri. Dico sarebbe perché non lo è fino in fondo. Lo è nella trama, ma quel che domina è l’idea quasi onirica della libreria, incorniciata da uno stile che si lascia volentieri andare al tono poetico-filosofico.
«Vogliamo libri che non ignorino niente della tragedia umana, niente delle meraviglie quotidiane, libri che ci facciano tornare l’aria nei polmoni»: è uno dei punti del manifesto de La libreria del buon romanzo. Che vende solo buoni romanzi, appunto, scelti da un comitato anonimo di scrittori. Non il mainstream, non necessariamente i classici: solo quelli che meritano di essere letti (criterio opinabile, criticabile e criticato, ma ben compensato dalla variegata costituzione del comitato…).
Questo è un testo «prezioso nel senso in cui il termine viene impiegato nell’alta oreficeria: rigore estremo nella scelta dei materiali, colore, sfavillio, gioco di forme e accostamenti, alta precisione del taglio, orrore dell’ostentazione.» È un libro da visitare. Per ricordarsi che «l’essenziale è continuamente minacciato dall’insignificante.» [René Char]

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • "Caro libro, un altro giorno della mia vita, e la vita è come un libro. Un libro è come una sca ...
  • A cena con Dalla e un caffè con Springsteen, ma senza smartphone. https://t.co/2vQi8fitZR
  • In Italia si legge sempre meno. Ma leggere serve ancora? Se sì, quali soluzioni per ovviare a qu ...
  • Il Bar Malghet è una giovane realtà diventata un punto di riferimento per tutti coloro che freq ...
  • Questione di (S)fiducia https://t.co/JL3dDiuJI9
  • Se, smartphone alla mano, vi è capitato di pensare "che bene che è fatta quest'app!", è possib ...

martedì 11 Agosto 2020