Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La grande guerra: il complicato ritorno a casa di un 19enne

Dark-Wood-Wall-1800x2880

Galizia, 1918. Dopo il Trattato di pace separata con la Germania, la Russia decide di abbandonare la guerra e per tutti i soldati è ora di tornare a casa. Tra questi uomini si trova anche Angeli Valentino, ragazzo trentino che fu arruolato dall’esercito austriaco e inviato a combattere. Il ritorno a casa per quasi tutti i soldati fu complicato e avventuroso.

La compagnia di Valentino intraprese il viaggio di ritorno con i treni. A guerra finita, i territori dell’Impero austriaco-orientale, prima sorvegliati dalla polizia austriaca, ora erano allo sbando. Per questo motivo si formarono bande di ladroni nella popolazione locale che assaltavano i treni. Anche la tradotta di Valentino fu presa più volte d’assalto e i soldati dovettero sborsare tutto. Una volta sequestrarono la macchina motrice del treno e i ragazzi riuscirono a farsela restituire solo dopo numerose suppliche.
Nel frattempo cresceva in Valentino una grande paura: ormai era diventato Italiano e rischiava di venire arrestato. Abbandonò quindi la compagnia e proseguì da solo il viaggio, riuscendo a raggiungere Bolzano e a salire su un treno carico di altri reduci che stavano tornando a casa. Nei pressi di Trento però il treno fu fermato da militari italiani che arrestarono tutti i reduci. Scortati in un campo di concentramento a Gardolo, qui sarebbero dovuti restare solo per qualche giorno, in seguito sarebbero stati mandati ad Asinara, in Puglia, in un campo di concentramento più grande.
Il giovane Valentino era deciso a scappare. Studiò dunque il campo in cui era rinchiuso: esso era circondato da un reticolato sorvegliato da sentinelle che si muovevano a specchio. In base a dei calcoli constatò che era possibile fuggire: fece dapprima un esperimento gettando lo zaino al di là della recinzione. Non accadde nulla e incoraggiato dal primo tentativo, sul far della sera, decise di tentare la sorte: al momento opportuno fece uno scatto in direzione della rete, la scavalcò e si gettò al di là del campo. Stette alcuni istanti immobile, poi, non avendo udito alcun segno di allarme, iniziò a correre ventre a terra in direzione della città, felice per averla fatta franca.
Stava camminando per le vie di Trento quando sentì una voce che gli intimava l’alt e la canna del fucile premuta contro la schiena. Valentino cadde nella disperazione, si gettò ai piedi dei soldati italiani e disse loro: «Tolè, toleme tut! Ma lasame nar a casa per piazer, che l’è da do ani che no vedo i mei, e quatro che no torno a casa!». I soldati impietositi dal povero giovane presero i valori e si voltarono, in modo da lasciarlo scappare. Valentino optò per la strada secondaria che porta a Civezzano (TN), meno esposta ai controlli, e fu così che il giorno seguente raggiunse Ischia di Pergine (TN), dove viveva, e tra lo stupore e la commozione di tutti poté riabbracciare i suoi cari.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022