Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La grande bellezza

Il film di Paolo Sorrentino

La grande bellezza

Roma. Oggi, ma anche ieri. E quasi sicuramente domani. Attraverso personaggi a tratti grotteschi e spunti tragicomici, Sorrentino ci parla del fallimento. E del (spesso maldestro) tentativo di affrontarlo. La spasmodica ricerca e ostentazione di eterna giovinezza, feste, lustrini, conoscenze che contano, beni di lusso è l’antidoto al malessere quotidiano di un’esistenza banale e priva di stimoli reali. Lo sa bene Jep, il protagonista, appena sessantacinquenne.

Dopo un unico romanzo di successo, Jep si lascia incantare e deformare dal circo della mondanità, un mondo distorto popolato da caricature felliniane. Il fallimento come corollario di ogni successo è il vero leit motiv di questo film. Il fallimento come condizione imprescindibile della natura umana. E l’inarrestabile tentativo di contrastarlo, con ogni mezzo. Jep è l’ospite di un’orgia in cui il trattamento estetico e il farmaco anti-depressivo incontrano fragilità e paure di affrontare il reale, di accettare il fallimento. Un’orgia di ipocrisie e segreti, di arrivismi e malelingue. Un’orgia da palcoscenico, dove obiettivo ultimo è brillare sotto le luci di un impianto sociale tanto ricco quanto misero. Un’orgia infernale, dove la visibilità è il supremo dio al quale votarsi, un’orgia che non conosce sollievo, che svuota e abbruttisce, che lascia nudi in mezzo al niente. E il niente è niente, anche se è “vista Colosseo”.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024