Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

John Fante, le praterie di Los Angeles

John Fante è uno dei tanti autori stranieri di origini italiane ignorati a lungo dai lettori del nostro paese. Solo nel 1992, con la pubblicazione del romanzo “La strada per Los Angeles, si accendono i riflettori sullo scrittore statunitense. Incredibile, se si pensa che il suo “Aspetta la primavera, Bandini”, primo romanzo di grande successo oltreoceano, è datato 1938. Una recente ristampa di questo romanzo include una prefazione di Niccolò Ammaniti che solleva una questione molto interessante.

Supponiamo esistano due tipi di scrittori: uno da tana e uno da prateria. Il primo è quello che per scrivere ha bisogno dell’isolamento, di una stanza dove scrutare la propria immaginazione da cui riesce a estrapolare e poi rielaborare le proprie storie: uno scrittore che non ha bisogno di vivere la vita “vera”. Il secondo è quello che nella sua stanza ci entra solo ed esclusivamente per scrivere quello che al di fuori di essa ha vissuto. È l’artista che, per poter raccontare le proprie storie, deve prima viverle. John Fante è sicuramente questo tipo di scrittore. Non è un caso che uno come Bukowski lo ammirasse e lo considerasse un maestro.

Il protagonista dei romanzi di Fante, Arturo Bandini, può essere considerato la proiezione letteraria dell’autore: le storie di successo del personaggio spesso sembrano coincidere con quelle dell’autore. Lo scrittore da prateria ha bisogno di correre libero nelle pianure della vita: è da lì che prende spunto per le mirabolanti avventure da mettere su carta.

La vita di Fante è stata molto attiva. Negli anni ‘30 si trasferisce a Los Angeles per guadagnarsi da vivere scrivendo, senza però avere nessun appoggio. Inizialmente risiede in una camera d’albergo e cerca di sbarcare il lunario scrivendo assiduamente, tra una bevuta e l’altra nelle bettole della “città degli angeli” (scene che rimandano alle avventure di Bandini in “Chiedi alla polvere”). Presto inizia a scrivere anche sceneggiature per Hollywood, i proventi delle quali gli permettono di raggiungere la relativa tranquillità economica per dedicarsi al suo grande progetto: scrivere un romanzo. E alla fine Fante ce la farà, diventerà uno degli autori più apprezzati d’America. L’autore da prateria per eccellenza.

E la sua storia non finisce qui perché, dal 1983 – anno della sua morte – sono stati scoperti numerosi inediti di grande valore, che gli conferiscono definitivamente un posto nell’Olimpo dei migliori autori del ‘900.

L’8 aprile 2010, a trentasette anni dalla scomparsa dello scrittore, la città di Los Angeles gli ha dedicato una piazza – la John Fante Square –  vicina a Bunker Hill (distretto in cui l’autore visse all’arrivo in città) e alla biblioteca pubblica dove l’autore passava ore e ore a leggere e a scrivere.

Raccontando questa storia, sorge una riflessione: in una contemporaneità in cui sembra scontato vivere (e scrivere) chiusi in una stanza, si avverte sempre più la mancanza di veri “autori da prateria”.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024