Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Interstellar

Film di fantascienza del 2014 scritto, diretto e prodotto da Christopher Nolan

Problema: come trovare le parole per descrivere un capolavoro senza cadere nelle più scontate banalità? In un primo momento pensavo di avvicinarmi alla recensione (non amo particolarmente questa parola, implica la facoltà di criticare quando preferisco, di gran lunga, omaggiare) di Interstellar in punta di piedi, come è giusto che sia nei confronti di ogni opera d’arte, a maggior ragione se complessa da decifrare e comprendere come in questo caso. Più il tempo passava, però, più mi ritrovavo a pensare ancora al film, alle sue numerose chiavi di lettura, alle metafore che si agitano sotto traccia, alla delicatezza narrativa, alla potenza espressiva di una fotografia curatissima. E allora ho capito che un approccio razionale e critico non avrebbe portato al risultato sperato; molto meglio lasciar spazio alle suggestioni e provare, in altra sede, a trovare le risposte alle domande che la pellicola esorta a porsi. L’ultimo lavoro dell’acclamato regista inglese Christopher Nolan (Memento, The Prestige, Inception, l’ultima trilogia di Batman) si basa, come spesso accade, su di uno script originale firmato Jonathan Nolan, fratello del regista, qui supportato dai lavori accademici dell’astrofisico americano Kip Thorne, uno dei massimi esperti in materia di relatività, buchi neri e autore di numerose teorie sui viaggi spazio-temporali.

Interstellar è un viaggio, non solo metaforico, oltre i confini conosciuti del cosmo; un’ultima disperata esplorazione nel tentativo di salvare un’umanità che soffoca su un pianeta Terra afflitto da tempeste di sabbia e da una misteriosa “piaga” che rende incoltivabili i cereali. Ma il viaggio è, dai tempi di Omero, l’espediente più audace per raccontare l’Uomo: le sue ambizioni, le sue paure e i rischi che è disposto a correre pur di comprendere e, di riflesso, comprendersi. Alle temute colonne d’Ercole, Nolan risponde con lo spazio profondo e un wormhole da attraversare per scoprire se, dall’altra parte, possa ancora esistere una speranza per il genere umano. Lo spazio e il tempo assumeranno un significato nuovo in un contesto in cui la fisica ha fino a ora solo potuto teorizzare. Visivamente, Interstellar sfiora la perfezione; è ben nota la cura del regista nella composizione delle inquadrature e non è un caso se molti esperti del settore lo hanno più volte accosta a Kubrick. Il cast di prim’ordine (Michael Caine, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Matt Damon) esce a testa alta dalla sfida ma una menzione particolare è per Matthew McConaughey: dopo 20 anni di ruoli disimpegnati da belloccio palestrato l’attore texano cambia registro, dimostra il suo talento e vince anche un Oscar (miglior attore in Dallas Buyers Club, 2014). Mettetevi comodi, Interstellar vi conquisterà.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024