Il potere della lingua

Il potere della lingua

«Ah, come avrei voluto che la lingua fosse solo un semplice sistema di segni, ma così non è». Lingua che cambia, limita e trasforma una persona.

Elvira Mujcic nel suo libro La lingua di Ana racconta la storia di un’adolescente che dalla Repubblica di Moldavia è stata “costretta” a nuova vita italiana. Un racconto nella sua essenza autobiografico, semplice nella sua complessa morale, dove la giovane autrice narra il difficile rapporto fra i limiti che il non conoscere una lingua pone e gli sconfinati orizzonti che nuovi suoni, parole, gesti ed espressioni aprono.

La lingua non è solo una convenzione e le «parole non sono solo parole». La lingua è identità, appartenenza e rappresentazioni. Decostruire questi corollari per ridefinirli attraverso altri vissuti significa mediare esperienze e «non permettere di cambiarne il profumo, il suono e il sapore». Linguaggi differenti che entrano nell’anima e mettono in conflitto l’esistenza di un uomo, ma che grazie al potere evocativo delle parole, gli offrono altresì la preziosa possibilità di ridefinirsi.

Elvira Mujčić, La lingua di Ana, Infinito edizioni, Roma, 2012.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra rubrica "Underword", un approfondimento dedicato alle cosiddette parole intraducibi ...
  • Il quarto appuntamento della nostra rubrica "L'atleta del mese" è dedicato a Sara Simeoni, campi ...
  • Continua il percorso di UnderTrenta alla scoperta dei percorsi del Bando Generazioni 2021: oggi r ...
  • Festival dello Sport, Lilian Thuram contro la “trappola” del razzismo: una lezione di sport e ...
  • Per la nostra rubrica "Giovani e lavoro" abbiamo intervistato Davide Penna, giovane titolare dell ...
  • Per la nostra sezione Cultura, proponiamo la recensione del libro “Il movimento del mondo” di ...

domenica 24 Ottobre 2021