Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il mio nome è Nolan, Christopher Nolan

Le voci sono queste, da prendere ovviamente con la dovuta cautela: Christopher Nolan (sì, lui) è in trattative per dirigere due film della saga di James Bond. Si tratterebbe di adattamenti molto più fedeli alle opere di Ian Fleming (il padre di 007) di quanto non lo siano stati gli ultimi film. Nolan dovrebbe infatti ambientare i suoi due film rispettando l’epoca dei romanzi di Fleming (la Guerra Fredda)  e rompendo quindi con l’ambientazione contemporanea che ha sempre caratterizzato la saga di James Bond.

La notizia, se confermata, farà felici molte persone: i fan di Nolan, in primis, che vedranno il loro nuovamente alle prese con un blockbuster dieci anni e più dopo The Dark Knight Rises; in secondo luogo, i fan di 007 i quali, dopo No Time To Die, hanno bisogno di un repulisti generale che permetta un nuovo avvio della saga di Bond. E chi meglio di un regista dall’enorme peso specifico come Nolan può garantire nuova linfa a un personaggio giunto alla sua 26esima iterazione?

Ma che cosa significa avere Christopher Nolan alle redini del nuovo Bond movie? Abbiamo provato a rispondere a questa domanda. Innanzitutto, i dati di fatto. Nolan vuole il controllo completo su ogni aspetto del film a cui lavora: la sceneggiatura, la regia, il montaggio, perfino le finestre di distribuzione in sala e su piattaforma. Ricordiamo che il clamoroso divorzio dalla Warner Bros. un paio di anni fa si è consumato proprio per divergenze legate alla distribuzione di un film (al tempo si trattava di Tenet). Un altro dato di fatto è la capacità di Christopher Nolan di lavorare a film ad alto budget. The Dark Knight Rises (2012) è costato la bellezza di 250 milioni di dollari. Alto budget significa alte aspettative, naturalmente. Che però Nolan non ha mai disatteso.

Ma che tipo di James Bond sarà (o sarebbe) quello di Nolan? Difficile rispondere. È possibile tuttavia fare delle supposizioni sulla base della filmografia del celebre regista inglese. Possiamo immaginare un Bond molto più simile a quello interpretato da Daniel Craig che a un Bond classico (il Bond di Sean Connery o di Pierce Brosnan, per intendersi). Quindi un agente segreto più fragile, come quello già visto in Skyfall (2012), o come il Batman de Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno per rimanere all’interno della filmografia nolaniana. Oppure ancora un Bond villain, come il Batman de Il Cavaliere Oscuro. Ma così si entrerebbe nel reame della completa destrutturazione del personaggio, peraltro già iniziata proprio con Skyfall.

Che cosa, invece, non dovremmo vedere? Un James Bond arrogante e tronfio come quello di Connery, Moore o Brosnan. Questo tipo di personaggio è piuttosto distante da quelli a cui Nolan ci ha abituati. Così come sarà difficile rivedere lo 007 amante e amatore che ancora resisteva con Daniel Craig. I film di Nolan non sono di certo famosi per la loro componente romantica e, anzi, il regista è stato spesso accusato di eccessiva freddezza in questo senso. Per quanto riguarda il resto è difficile anche fare supposizioni. Tuttavia, Nolan (o chi per lui) avrà carta bianca: quanto mostrato in No Time To Die permette infatti un reboot molto più profondo del solito, sia del personaggio sia della saga. Staremo a vedere che cosa verrà fuori.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024