Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

I migliori film del 2021

Fine anno, nuovo anno: tempo di tirare somme anche in ambito cinematografico e televisivo. Com’è stato il 2021? I cinema hanno riaperto a fatica, hanno resistito a terze e quarte ondate e lo spettro di nuove chiusure sembra lontano. La serialità televisiva se l’è passata decisamente meglio, per ovvie ragioni. Ci sono state tante nuove produzioni, alcune delle quali decisamente sorprendenti. Bando alle ciance, vediamo che cosa ha saputo offrire (in ordine cronologico) il cinema in questo 2021. Per quanto riguarda le serie tv, dovrete attendere un secondo articolo.

Un altro giro. Quattro insegnanti frustrati e insignificanti provano a risolvere la propria inettitudine bevendo alcolici prima di entrare in classe. Questa è la premessa di Un altro giro, vincitore dell’Oscar come miglior film straniero. Il film è leggero e divertente, sorretto da un maestoso e mai sufficientemente lodato Mads Mikkelsen.

Il divin codino. Per quale motivo Roberto Baggio – che pur non ha un palmarès così ricco di trofei – è rimasto a tal punto impresso nel cuore degli appassionati di sport e anche di chi in fondo di calcio se ne frega? Perché, meglio di quasi chiunque altro, ha saputo praticare la sottile arte della fragilità, entrando così davvero e in profondità nell’animo di tutti. E Il divin codino lo racconta in una maniera magnificamente delicata, mettendo al centro del racconto l’uomo e solo dopo lo sportivo.

The Father. Riguardate l’ultima scena del film. Sarà facile rendersi conto di quanto monumentale sia Anthony Hopkins, vincitore non a caso dell’Oscar come miglior attore per questo film. The Father parla di vecchiaia, di Alzheimer e del rapporto tra generazioni diverse con una sceneggiatura fine e multiforme, che sconfina nel thriller. È inutile dire come Hopkins porti tutto il film sulle proprie spalle, interpretando il padre protagonista in maniera assolutamente convincente e sempre controllata. Da vedere anche solo per questo.

Supernova. Colin Firth e Stanley Tucci sono i protagonisti di una storia d’amore, di rispetto e di accettazione di un destino che si mette di traverso nel momento sbagliato. Il film tratteggia questa storia senza patetismi, ma con estrema eleganza e compostezza. Non si può rimanerne indifferenti.

The French Dispatch. L’apice del cinema di Wes Anderson: un capolavoro di armonia e di eleganza, in cui ogni fotogramma diventa un quadro di rara perfezione. Il solito cast di stelle sembra quasi scomparire rispetto alla forma, che pure non fagocita ogni cosa. Perché la sceneggiatura è brillante e divertente e il film funziona anche per ciò che racconta. Sarà curioso capire come e verso dove proseguirà la carriera di Anderson, dato che sembra francamente impossibile fare meglio di così.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022