Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Hip hop culture: il rap non è sinonimo di criminalità

Immaginate di imbattervi – mentre scorrete con disinteresse nella vostra home di Instagram – in un video che ritrae un ragazzo pieno di sangue in volto, chiaramente scosso e seduto in una macchina piena di persone che si prendono gioco di lui. Il cameraman d’occasione si rivolge al ragazzo – pallido come un lenzuolo, oltretutto – con un tono canzonatorio, facendo lui domande come: “Dov’è il gangster che sei? Dov’è la tua sicurezza?”. La scena potrebbe essere idealmente estratta da un film che nel cast conta nomi alla Joe Pesci, quel genere pieno di stereotipi che ha come protagonisti malavitosi americani dal cognome italiano.

A discapito di quanto a primo impatto si possa pensare, il tutto è andato in scena a Barona, un quartiere milanese, dove due rapper – il cameraman Simba la Rue e il sanguinante Baby Touche – se le sarebbero date di santa ragione. La situazione conflittuale sarebbe viva ormai da mesi, ma fino a qualche giorno fa si erano limitati a rispondersi con la musica, senza mai arrivare alla violenza fisica.

Il mondo della cultura hip hop italiana sembrerebbe aver così varcato una soglia mai raggiunta prima e che nessuno avrebbe auspicato: una guerra tra gang, con dei rapper a fare da vessillo. La presunzione di un possibile scenario è dettata dal fatto che la risposta del gruppo di amici della vittima non si è fatta attendere e come riportato tramite i propri social, sono pronti per una spedizione punitiva.

È possibile considerare il tutto con una prospettiva totalmente diversa, più concreta, pensando questa situazione come l’ennesimo caso di violenza tra ragazzi poco più che maggiorenni, parte delle mitologiche baby gang, che affliggono la qualità della vita nelle metropoli.

Oltre il rischio creato per la sicurezza pubblica, episodi del genere non vanno che a rafforzare la tesi – dettata dall’ignoranza in materia – per cui il rap sia sinonimo di violenza. L’Italia non ha mai digerito nemmeno la violenza lirica, presente nella maggior parte dei testi e trovare in prima pagina questioni di rapper invischiati nella microcriminalità, non fa che accrescere la diffidenza di molti. Questo scetticismo spesso è “imposto” dal comune retaggio culturale, che porta a giudicare certi generi come nocivi o pericolosi, specie per il pubblico di una fascia di età relativamente bassa.

Per risolvere il “problema” andrebbero eradicati molti luoghi comuni, come il fatto che i rapper siano generalmente criminali o – l’esempio per antonomasia – che il rap venga ascoltato pressoché solo nelle periferie, avendo poi una forte influenza sulle scelte, definite dal pensiero di massa come sbagliate, che in seguito verranno prese dall’ascoltatore.

Il rap non è criminalità, ma potrebbe parlarne, così come di tanti altri argomenti: è uno strumento di denuncia sociale e una valvola di sfogo, perché dà la possibilità di raccontare di sé in modi mai riusciti prima. Se poi si associa questo genere a un ambiente di periferia è perché la cultura hip hop – di cui il rap è parte integrante – viene vissuta a pieno in quelle situazioni dove la difficoltà della vita è esasperata, complice anche il poco intervento sociale adoperato, per cui molte persone finiscono per essere abbandonate a se stesse.

Se poi dovessimo necessariamente trovare un problema da risolvere, sarebbe opportuno riflettere sul tipo di approccio riservato alle periferie: la società non può ostracizzare dei ragazzi, trattandoli da reietti, per poi trovare il proprio alibi, in caso di guai, in quello che ascoltano.

 

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022