Fenomenologia di Robert Downey Jr.

“Io sono Iron Man”. È più di una battuta cinematografica. Semmai, sarebbe più corretto definirla ‘metacinematografica’. È la confessione di un limite (fisico, più che attoriale) ed è, insieme, la dimostrazione di una profonda e perfetta consapevolezza di sé.

Sebbene abbia interpretato per una decina d’anni ormai il celebre supereroe della Marvel, Robert Downey Jr (l’attore, non la persona) non è legato a quel ruolo. Lo dimostra il fatto che, a ben osservare la sua carriera, è più quello che lui ha dato al personaggio che viceversa. Se guardiamo i film più importanti in cui ha recitato negli ultimi dieci anni – escludendo pure la Marvel – ci accorgiamo di una costante: Robert Downey Jr ripropone ogni volta se stesso. Nel Solista (2009), in Sherlock Holmes (2009), in Parto col folle (2010), in The Judge (2014), è lui – lui come persona, prima che come attore – quel personaggio carismatico, dotato di un’intelligenza vagamente aggressiva, con problemi (o un passato conflittuale) nei confronti del padre e con una presenza scenica (cioè una capacità di catalizzare lo sguardo dello spettatore) quasi unica.

Basta vederlo ‘off-screen’, per esempio sul red carpet o durante i talk show televisivi. Non c’è un momento in cui Robert Downey Jr abbandoni il suo personaggio, perché non c’è alcun personaggio da abbandonare. Anche quando si mette a nudo raccontando del rapporto conflittuale con il padre o della dipendenza dalla droga, riconosciamo infatti lo stesso vocabolario di gesti di Tony Stark, di Sherlock Holmes o dell’avvocato di The Judge.

“Io sono Iron Man”. Non è Tony Stark a pronunciare questa parole, ma Robert Downey Jr, la cui fisicità e il cui fascino si attagliano perfettamente ad Iron Man. Per questo motivo non è del tutto corretto dire che quel personaggio abbia lasciato un’impronta sul suo interprete (se non, chiaramente, in termini di popolarità presso il grande pubblico). È, piuttosto, vero il contrario: Downey Jr ha forgiato Iron Man, pescando dal proprio profondo e irrorando quel personaggio (come fa da anni a questa parte in tutte le sue prove attoriali) delle sue caratteristiche e del suo vissuto.

Insomma, “Io sono Iron Man” è puro autobiografismo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Nel quarto appuntamento con la nostra rubrica "Ditelo con i fiori" raccontiamo il girasole: un vi ...
  • “L’occhio su Trento", in questo quarto appuntamento, lancia uno sguardo dentro alle antiche m ...
  • Il quarto appuntamento della rubrica musicale "Si salvi chi PROG" è dedicato all'album dei Carav ...
  • L’universo dei perché: è dalla curiosità del bambini che dobbiamo imparare come guardare il ...
  • Presso la sede della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento, alla presenza ...
  • “Stampe per crescere”: a Pieve Tesino una mostra racconta la nascita dell’editoria per ragazzi. h ...

giovedì 29 Luglio 2021