Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

E così vorresti fare lo scrittore

di Giuseppe Culicchia

E così vorresti fare lo scrittore

«Non seguire mai i consigli. Non mostrare mai il lavoro svolto né discuterne. Non rispondere mai a un critico.» Così sentenzia Raymond Chandler, citato in esergo a questo libro, insieme a Bret Easton Ellis che scrive quanto siano insopportabili gli scrittori, visto che sembrano tutti pavoni, e a Charles Bukowski, che narra di quanto non se ne possa più di baciare uno scrittore.

Così, è sufficiente non leggere nemmeno una parola dell’autore per capire che questo libro farà innanzitutto ridere, a partire dalle prime citazioni. La forza di Culicchia, in queste pagine, non è di certo l’originalità di una storia.
Ci sono tutti i cliché che potete farvi venire in mente. O forse quasi tutti. Tra le righe ad essere presi in giro. Il lettore medio, che è anche scrittore, certamente, perché “in Italia sono più quelli che scrivono che quelli che leggono”, si riconoscerà in diverse righe. Probabilmente vi verrà voglia di (ri)leggere David Foster Wallace, pover’uomo mai abbastanza compianto. Sicuramente vi sentirete calvinianamente più leggeri, quando avrete finito le pagine. Che già un po’ vi mancheranno.
Non vi domanderete se è un testo autobiografico, perché lo è chiaramente, dell’autore emergono aneddoti ma soprattutto la passione colta. Piuttosto vi chiederete su quale gradino ci si sente meglio: se su quello della “Brillante Promessa”, del “Solito Stronzo” o del “Venerato Maestro”.
Il «dorato mondo delle Lettere» appare in tutto il suo splendore, è proprio il caso di dirlo, anzi, in tutte le sue splendenti e divertenti contraddizioni. “Del paraculismo” è il titolo di uno dei capitoli, ma soprattutto è il leitmotiv ironico che si trova in ogni pagina.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023