Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Come stiamo a fumetti? (2^ parte)

Intervista a Claudio Fattoretti (La Libroteka di Trento)

Il mondo dell’editoria è in crisi, lo sappiamo: i lettori calano e i libri si vendono sempre meno. Qual è la situazione dei fumetti invece? Ne abbiamo parlato con Claudio Fattoretti, gestore della storica fumetteria “La Libroteka” di Trento, che ha da poco festeggiato i 30 anni di apertura.

Quali sono clienti tipici di una fumetteria?
La nostra clientela è molto varia: si va dal professionista, allo studente universitario, ai genitori alla ricerca del primo fumetto per i loro bambini.

Sugli scaffali c’è una netta predominanza di manga, i fumetti giapponesi: sono i più richiesti?
In realtà nell’ultimo periodo la loro vendita è calata: ci sono troppi titoli in circolazione, è difficile sia per noi rivenditori che per i lettori rimanere al passo. Inoltre essendo il più delle volte in serie – alcune relativamente brevi (Hellsing, Death Note) altre lunghissime (Berserk, Naruto) – è difficile che i lettori si prendano la briga di farsi arrivare gli arretrati e iniziare da capo.
Ultimamente poi ha preso piede il fenomeno della lettura di fumetti online.

Voi vendete anche libri di narrativa e saggistica, ritenete che il loro valore culturale sia intrinsecamente superiore a quello dei fumetti?
No, assolutamente. Io leggo molti libri ma ritengo che spesso la media di fumetti e graphic novel sia decisamente superiore, soprattutto rispetto a certi bestseller. Inoltre, contrariamente a un diffuso e discriminante luogo comune, ritengo che i fumetti costino decisamente poco rispetto ai libri: basta pensare solo ai costi di produzione delle tavole di un fumetto (impaginazione, colore…) rispetto a quelli del mero testo tipografico di un libro.

Uno studioso di storia mi ha confidato che un Suo collega inglese per studiare Garibaldi ha letto anche il fumetto di Tuono Pettinato.
Non mi sorprende, molti fumetti di taglio storico o giornalistico – penso al graphic journalism di Joe Sacco o ai volumi della casa editrice Becco Giallo – sono accuratamente documentati.

In una recente intervista Lei ha dichiarato la sua preferenza assoluta per i fumetti di Corto Maltese del compianto Hugo Pratt; cosa ne pensa della recente uscita de Sotto il sole di mezzanotte, ultima avventura del marinaio firmata da due autori spagnoli, Juan Canales e Rubén Pellejero?
Per quanto ami Corto, credo che le minestre riscaldate siano prive di significato.

Cosa ne pensa invece di Zerocalcare?                                                                                   L’ultimo lavoro, L’elenco telefonico degli accolli, pur essendo sostanzialmente una raccolta di storie già uscite sul suo blog, ha venduto tantissimo nelle scorse settimane. Il valore e il conseguente successo di mercato di Zerocalcare è innegabile ed è normale che la Bao Publishing stia cercando di cavalcare l’onda il più possibile. Quanto ai blog ammetto che diano una certa visibilità a fumettisti emergenti permettendo una fruizione immediata delle loro opere, ma non c’è paragone con un fumetto cartaceo. E spesso in rete vedo fumetti orripilanti, sotto tutti i punti di vista. Non mi spiego davvero come poi al Lucca Comics & Games ci sia il tutto esaurito per i loro autori.

Leggi anche: Come stiamo a fumetti? (1^ parte)

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Giugno 2023