Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

C’è ancora domani di Paola Cortellesi. La recensione

Alla diciottesima edizione del Roma Film Festival è stato presentato il primo film scritto e diretto da Paola Cortellesi: “C’è ancora domani”. Già dall’uscita del trailer, questo debutto si è distinto dalle altre proiezioni italiane per la complessità del tema trattato e per le scelte stilistiche adottate nel corso della narrazione: dal filtro in bianco e nero, all’autenticità dei quartieri romani degli anni Quaranta, alla singolarità della colonna sonora.

La protagonista della pellicola è Delia, una donna il cui ruolo sociale è relegato a “moglie
di Ivano” e “madre di tre figli: una femmina e due maschi”. La povertà economica e intellettuale,
il reducismo dalla Seconda Guerra Mondiale e una cultura fortemente patriarcale caratterizzano l’ambiente in cui è inserita questa famiglia, dove regolarmente si verificano episodi di violenza domestica. Già dall’inizio si capisce qual è l’unico modo possibile per uscire da una relazione tossica: un cambiamento di mentalità da parte della protagonista, accompagnato da una buona dose di coraggio e determinazione.

Balli di coppia e musica pop per ritrarre la violenza di genere

Mostrare in modo accurato i danni che un marito manesco e padre padrone causa alla moglie ferita e ai figli che assistono passivamente alla sua cattiveria non è facile. Il rischio di fornirne
una rappresentazione addolcita e minimizzata – o in alternativa splatter e poco credibile –
è sempre in agguato.

In questo caso la regista mostra la disparità di genere a tutto tondo: dai soprusi verbali, alle discriminazioni sul lavoro, alle aggressioni fisiche. Per riprodurre queste ultime, ha presentato
le scene d’azione con dei balletti coreografici, accompagnati da un sottofondo musicale pop.
I ritornelli delle canzoni – metafora di una situazione che si ripete continuamente – uniti alle immagini in movimento aggressive e cruente rendono la narrazione ancora più straziante, facendo provare al pubblico la stessa tensione che prova la protagonista del film.

Matrimonio, scuola o lavoro? 

Questo film, ambientato in un passato che ormai sembra lontano, ha molto da insegnare
ai ragazzi e ai genitori di oggi.

Oltre a mostrarci le dinamiche della violenza di genere, Paola Cortellesi ci ricorda che il matrimonio non è un obiettivo da raggiungere, ma solo un momento che allieta la nostra vita
se – e solo se – è voluto da chi si sta sposando. Espressioni come “mia figlia deve trovare marito” o “ora che si è sposata, mia figlia si è sistemata” dovrebbero uscire dal nostro vocabolario, per essere sostituite da frasi che rappresentano i veri obiettivi da raggiungere:
una buona istruzione e l’indipendenza economica.

Per questo motivo, consigliamo la visione del film a chiunque voglia riflettere sulle tematiche dell’amore vero, da non confondere con il possesso, la gelosia e tutto ciò che caratterizza le relazioni tossiche e pericolose. Naturalmente, accettando di arrabbiarsi, indignarsi e vivere un paio d’ore con le lacrime agli occhi e il fiato sospeso.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 21 Febbraio 2024