Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Ambientazioni I – quadretto drammatico

C’era afa – ma questo non è un sicuro mezzo di identificazione di nessun luogo in questi giorni. Nel mezzo dell’umida calura, c’era una persona. I contorni non li vidi mai bene, dove ero posto apparivano molto sfumati a causa di quell’amato vapore acqueo.
Se la figura fosse uomo o donna con i capelli raccolti, non mi era dato sapere: il puntino biondiccio che vedevo al culmine di un corpo vestito con una normalissima t-shirt e dei pantaloncini non mi diede nessun indizio in alcun senso.
Da lontano giungeva un lamento continuo. Di questo ero abbastanza certo.
Improvvisamente giunse la fine del lamentare, un urlo disperato lo ruppe e la figura si accasciò a terra.

Quest’immagine rimane ancora oggi nella mente, ben fissa. La nostra esperienza e la nostra capacità di empatia ci portano a credere che la persona fosse triste, ma razionalmente non possiamo sapere per cosa la persona stesse soffrendo con certezza. Quindi per cosa si lamentava? Il dolore sembrava intenso.

Poteva essere una persona che piangeva nella rada nebbiolina estiva, mentre i confini del suo mondo si stavano lentamente liquefacendo in lacrime per la perdita di una persona molto cara. Un padre? Una madre? Un fratello? Un amore?

Non so perché, pur non conoscendo di chi fosse la scomparsa, il fattore morte per me era un dato certo al punto che non sembravano esserci altre cause plausibili per un simile dolore. Eppure, a mente fredda, sarebbe stato possibile concepire altri motivi.

Pareva un tempo di morte, il dolore per una perdita definitiva e come tale lo racconto, con l’imprecisione delle descrizioni che la nebbia (e il fatto che non conoscessi la persona) portano. Indefiniti, a dire il vero, sono anche i contorni della vicenda per chi l’ha vissuta, poiché l’unica certezza è la scomparsa, il resto è futuro e come tale deve ancora compiersi.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022