Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Su sentieri incerti”, al via l’Agosto degasperiano 2021

Agosto degasperiano 2021 – “Su sentieri incerti”. Prenderà il via, il prossimo 28 luglio, l’itinerario di incontri, lezioni e testimonianze, organizzato dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi in collaborazione con oltre 20 partner, in diverse località della Valsugana.

La rassegna vedrà protagonisti, nell’ordine, ospiti del calibro di Gianrico Carofiglio, Carlo Cottarelli, Lia Levi, Ilaria Cucchi, Guido Tonelli e Marino Sinibaldi – ai quali si affiancherà il tradizionale appuntamento della Lectio degasperiana, tenuta da Giulio Tremonti e da Guido Guzzetti il 18 agosto a Pieve Tesino – che saranno chiamati a confrontarsi con la sensibilità e la lezione storica di Alcide De Gasperi con l’obiettivo di fornire, anche attraverso il dialogo con il pubblico, una diversa visuale sul nostro presente e sul nostro futuro.

Ci ritroviamo quest’anno a riproporre, in un’estate ricca di attività per la Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, un progetto che ha visto la luce nel 2015 in Tesino e che, nel corso degli anni, ha allargato le sue prospettive sia da un punto di vista geografico, sia dal punto di vista delle ambizioni”, ha dichiarato Marco Odorizzi, Direttore della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, nella conferenza stampa di presentazione della rassegna, che ha visto inoltre la presenza di Stefano Ravelli, amministratore delegato dell’Apt Valsugana-Lagorai.

Scienza, politica, memoria, ideali civili, cultura ed economia: sono questi gli ambiti che la rassegna intende indagare, nella convinzione che, quando i sentieri del passato non bastano più, non vi è alternativa se non quella di aprirne di nuovi, immaginando un traguardo e inseguendolo anche a costo di camminare su sentieri incerti. Ed il filo rosso del ciclo di eventi è proprio il concetto di incertezza. Perchè viviamo tempi incerti, e non solo a causa di un virus che ha saputo mettere a nudo una fragilità che da tempo aleggiava sulla nostra società e con cui non avevamo saputo (o voluto) fare i conti.

Ripartire dopo un anno di stop – spiega infatti Odorizzi – ci ha posto di fronte a molteplici interrogativi e per questo abbiamo scelto di affrontare questo tema con ospiti di alto profilo, capaci di parlare del presente e di mettersi in dialogo con esso alla luce del pensiero degasperiano.

Ed è proprio in un periodo come questo, in cui si corre il rischio di abbandonarsi all’assenza di mete e di traguardi, che è necessario affidarsi a idee e pilastri solidi: “Una rassegna come l’Agosto Degasperiano vuole contribuire a ridare un senso ad alcune dimensioni fondamentali per la vita collettiva delle nostre comunità, nella convinzione che sia fondamentale fruire della bellezza della cultura e del pensiero.”

Stefano Ravelli, da parte sua, ha sottolineato l’importanza della partecipazione attiva dei territori nel format e ha ricordato il lavoro che da anni la Fondazione sta svolgendo in Valsugana e Tesino  “aiutandoci a scoprire che tutto un territorio può identificarsi in un grande personaggio del passato e diventare «la valle di Alcide De Gasperi». Non si tratta di un mero slogan, ma di un percorso di riconoscimento che parte dagli abitanti della valle e che si è sviluppato negli anni, con pazienza ma anche con convinzione, e che ora viene percepito sempre più spesso anche fuori dalla nostra provincia. Che esista una valle che può offrire una natura varia e bellissima, attività sportive lacustri e montane, ma anche proposte culturali impegnate ma non elitarie, di alto livello ma inclusive e diffuse su tutto il territorio, è una cosa che molti ci invidiano e che ci teniamo stretta”.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022