Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

48:13

A tre anni di distanza da Velociraptor! e dalla malinconica ballad Goodbye Kiss (che per mesi ha occupato posizioni di rilievo nelle classifiche italiane, arrivando a conquistare l’ambito disco di platino), i Kasabian tornano alla ribalta della scena musicale internazionale con 48:13, album che già dal titolo indica all’ascoltatore la durata complessiva di questa nuova immersione discografica.
Per i quattro musicisti di Leicester (UK) si tratta di un ritorno in grande stile. Con sonorità che ecletticamente strizzano l’occhio all’hip hop, al funky e all’elettronica, pur senza allontanarsi troppo bruscamente da sentieri già battuti, i Kasabian provano a lasciarsi definitivamente alle spalle l’etichetta di band indie rock per conquistare la definitiva consacrazione. E se una parte minoritaria della critica pare non aver apprezzato quest’ultima fatica, il successo commerciale riscosso in pochissime settimane dalla release ufficiale (48:13 è stato pubblicato nei primi giorni di giugno 2014) racconta tutta un’altra storia. Nelle intenzioni di Serge Pizzorno (chitarrista, autore dei testi e qui anche produttore) l’album doveva suonare asciutto, diretto, graffiante ed essenziale, senza per questo rinunciare all’espressività e alla melodia nell’ottica del collaudato principio secondo cui, in molti casi, less is more.
Il risultato finale non solo rispetta in pieno queste premesse ma va ancora oltre, riuscendo ad amalgamare perfettamente il rock della migliore tradizione britannica indipendente tanto agli archi sinfonici (Stevie) che ai sintetizzatori (questi ultimi forse di matrice un po’ troppo “daftpunkiana”, specie in Glass, Explodes e Clouds) fino alla scatenata quanto impronunciabile Eez-eh, che è già una delle hit radiofoniche in un’estate dalle poche novità. In definitiva questo è a tutti gli effetti un disco che si lascia ascoltare e che corre veloce per tutta la sua durata, lasciando solo pochi momenti per riprendere fiato. Funzionali in questo caso i tre brevi brani strumentali, dall’evidente ispirazione cinematografica, che ben si inseriscono nel contesto generale.
48 minuti più 13 secondi diviso 13 brani: che sia questa la formula del successo?

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024