Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

33 parole per lo spettacolo “Servo per due”

A teatro

Servo per due − traduzione di Pierfrancesco Favino, Paolo Sassanelli, Marit Nissen, Simonetta Solder.

«Si tratta della versione italiana di One Man, Two Guvnors, un testo del drammaturgo inglese Richard Bean tratto da Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni. Una perfetta combinazione di commedia visiva e verbale. . Siamo a Rimini, negli anni Trenta e Pippo, un giovane uomo depresso e senza soldi, vaga alla ricerca di una soluzione ai suoi problemi. La trova in un ambiguo personaggio giunto in città per concludere un affare con il padre della sua promessa sposa. Pippo diventa così il suo servitore, ma appena ne ha l’occasione, inizia a dispensare i suoi servigi anche ad un secondo padrone. I due ignorano l’esistenza l’uno dell’altro ma, in realtà, si conoscono bene e Pippo, servo ingordo e pasticcione, inizierà presto a confondersi e a combinare un sacco di guai. Missive scambiate, ricevute mangiate, bottiglie di vino consegnate per sbaglio: essere il servitore di due padroni è davvero difficile!».

servo bann

E chi l’ha visto cosa dice? Lasciamo la parola ai nostri Trentatré spettatori:

Vi è mai capitato, dopo diversi pasti unti fuori cas,a di desiderare semplicemente un piatto di pastasciutta al pomodoro? Questo è l’effetto che mi ha fatto Servo per Due. Quasi comico, con musica dal vivo di qualità e con il giocoso coinvolgimento del pubblico, è stata una nota di piacevole leggerezza.
Enrico Miorelli (33 Trentini in 33 parole)

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 21 Febbraio 2024