Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

33 parole per lo spettacolo “Ballata di uomini e cani”

A teatro

Ballata di uomini e cani, di e con Marco Paolini

«Un tributo di Marco Paolini a Jack London. Uno spettacolo basato su brani tratti da opere e racconti dello scrittore statunitense, con musiche e canzoni che, pur ispirandosi ad essi, svolgono una funzione di narrazione dialogando con la forma orale.
Tre racconti con protagonisti tre cani e i loro padroni.

Oltre ai racconti, due ballate: una dedicata a Jack London, vagabondo per scelta, e l’altra ad uno dei tanti vagabondi che oggi per cercare un futuro sono costretti a rischiare la vita.» 

E chi la visto cosa dice? Lasciamo la parola ai nostri Trentatré spettatori:

Un crescendo di intensità e coinvolgimento. Nel finale, parlare dei “cani” di oggi aggiunge necessità a uno spettacolo di per sé già ampiamente godibile. Bravo Marco Paolini, bravi i musicisti, soprattutto per i particolari suoni che accompagnano con efficacia la narrazione.
Ivan Ferigo (33 Trentini in 33 parole)

La platea è divisa: quelli convinti che l’uomo sia la bestia, quelli che nutrono dubbi sul lupo, ed io, che penso che l’unica carogna sia il freddo.
E i piedi mi si son fatti gelidi per l’ansia.
Laura Tabarelli (33 Trentini in 33 parole)

paolini 1

Un Paolini con qualche indecisione mnemonica, forse, ma comunque sempre potente affabulatore, capace di evocare cani fattisi uomini per perseguitare altri uomini, o uomini diventati cani nella lotta per la sopravvivenza. Le note di un’orchestra magistrale fanno da contrappunto ad una scena che si fa porto di una città di frontiera e steppa gelata, seguendo il ritmo dei racconti.
Katia Vinco (33 Trentini in 33 parole)

Paolini è il Maradona dei cantastorie, e riesce ad appassionare, a tenere con sé lo spettatore fino all’ultimo sospiro. Due ore volano così via e ti ritrovi a sperare che lo spettacolo non sia davvero ancora finito. Prezioso poi l’accompagnamento musicale.
Enrico Miorelli (33 Trentini in 33 parole)

Paolini e la sua capacità di portare dentro le storie e far vivere qualità di emozioni. Appassionante e toccante l’accostamento con i nostri tempi. Gratificante l’accompagnamento musicale. Apprezzato il rompere gli schemi degli applausi finali in coerenza con il personaggio/attore e far parlare in linea sempre con il testo, la musica.
Francesca Groppo (33 Trentini in 33 parole)

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024