Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

20/05/2022, ho fatto un sogno

Sarà colpa del Whisky, o del fatto che sono un’ anima fragile, ma questa notte ho fatto un sogno che mi ha lasciato senza parole: stasera era il 20 maggio, non era certo una domenica lunatica, ma un venerdì qualunque; volavamo leggeri e liberi liberi all’interno di due bolle di sapone, intenzionati a scoprire cosa succede in città. Ad un certo punto ti ho detto “Brava Giulia, hai ragione tu”, non abbiamo più alibi per farci vincere da quella che tutti, buoni o cattivi, chiamano “la noia”. E così, dopo un po’ di deviazioni ci siamo diretti a sud. Cosa c’è là in fondo?, mi hai chiesto. Un palcoscenico gigantesco, che quindici anni fa non c’era. Siamo rimasti senza parole dinnanzi a tal visione. Qui si fa la storia, abbiamo sussurrato sottovoce: dobbiamo esserci ad ogni costo, anche se c’è chi dice no. Il komandante è arrivato in città e noi, ho pensato, siamo quassù, tra l’aquilone e queste dannate nuvole, e ci sembra di vivere una favola o un gran bel film. Dobbiamo tornare a terra – ti ho detto – non l’hai mica capito che non mi va di stare qui? La festa è laggiù! Come ogni volta tu eri perplessa, allora t’ho detto: siamo qui, facciamo un patto con riscatto e diamo un senso a questo sogno. Adesso ti prendo e ti porto via, non aver paura che qualcuno possa ridere di te…e se qualcosa va storto sai che ti dico? Schiacciamo il tasto rewind, troviamo uno stupido hotel e ci godiamo, alla fine basta poco, quella che sarà comunque una splendida giornata.

Trento, 20/05/2022

Cultura

I vostri commenti all'articolo

1
  1. Adriano

    Grande Federico, spettacolare, da fan di Vasco ho letto il tuo articolo con la pelle d’oca ad ogni frase!!!

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022