Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Una favola moderna

Una favola moderna

Alice cammina nel Paese delle Meraviglie. È appena scesa da un barcone vecchio, sporco ed affollato. Cammina a piedi nudi sulle coste assolate della Sicilia, con i vestiti maleodoranti, impregnati di sudore e salsedine.

Ha fatto un lungo viaggio sfidando la vita perché la morte, lei, l’ha già incontrata.
L’uomo bianco spinge, tira, strappa, urla. “È tardi, è tardi, è tardi!”
Alice ha paura. Non comprende quelle parole.
Così procede in questa nuova terra folle, fidandosi dei sorrisi che la circondano.
Si specchia in essi per trovare la libertà ma viene ghermita e portata sui marciapiedi.
Alice è frastornata. Il suo corpo sferzato, corroso, percosso, sgretolato.
Le luci delle auto sembrano occhi di gatti striati che esplodono nella notte, come le stelle che amava osservare nel cielo terso della propria terra.
Alice ora è una brava bambina.
Vestita per bene, pronta a dire sempre di sì, ubbidiente.
Sfoggia vestiti eleganti e non fa domande.
Ora è nel Paese delle Meraviglie e comincia la sua favola.
C’era una volta…

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024