Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Un inverno ostinato, ma che finirà

Durante la scorsa estate siamo riusciti in tanti a dimenticarci a tratti della pandemia e a tirare qualche respiro più leggero, con una cena serena tra amici o al pranzo della domenica in famiglia, qualche giorno in vacanza, per i più arditi persino all’estero. Trascinati dalla sensazione inebriante e fasulla che il peggio fosse passato, alcuni (tra cui io, lo ammetto) si sono concessi pure il lusso di qualche irresistibile abbraccio che ora quasi pesa sulla coscienza. È stato bello, ma ora ci risiamo dentro con tutte le scarpe, le calze, il cappotto e il cappuccio di finta pelliccia.
Il cerchio si è di nuovo stretto attorno a noi, giallo, arancio o rosso che sia: non sarà un inverno facile, e nemmeno breve. Verrà il Natale ma non potremo pressare le sedie vicine vicine al tavolo del cenone e passarci il sale. Verrà Capodanno ma non saremo tutti in piazza a baciarci e schivare petardi. Usciranno nuove canzoni che non potremo comunque ballare, se non da soli in soggiorno con un pezzo di cuore sempre distratto a seguire la conta di morti, contagi e posti di lavoro che saltano.
Sarà un inverno che così non avevamo mai visto. Un inverno capriccioso che non molla il passo alla primavera, ostinato peggio di Trump con Biden.
Eppure…
Eppure siamo qui, e questo tempo, questo inverno, è parte della nostra vita, extra bonus sotto costo del carnet di opportunità che riceviamo in dono semplicemente esistendo. E non dobbiamo sprecarlo lasciandoci scivolare in un paralizzato letargo. La tentazione è forte, certo. Le motivazioni per restare svegli appetibili come la pasta scotta. Lo spazio per il nostro agire ridotto al pianerottolo. Ma c’è tanto da fare, da essere, se troviamo la forza di reagire e di coltivare, ebbene sì, dei progetti. Viviamo per grazia ricevuta in un mondo dove anche da fermi possiamo viaggiare, costruire e crescere. La tecnologia è dalla nostra, persino i social lo sono. E allora questo inverno, se ne abbiamo il privilegio, restiamo al caldo e rendiamolo produttivo in tutti i modi possibili: chiamiamo gli amici per un saluto inaspettato, scriviamo qualche pagina edificante della nostra crescita personale o professionale, cerchiamo di scoprire cosa davvero rende felici noi e gli altri, balliamo da soli in soggiorno o siamo anche solo gentili, magari un po’ più del solito. Ogni occasione per essere connessi in modo costruttivo con altre persone, o con noi stessi, va colta e sfruttata in tutta la sua potenzialità arricchente e salvifica. Solo così, sbattendo un senso in faccia anche alle giornate più asfittiche, potremo essere più furbi di questo inverno ostinato e convincerlo poi finalmente a sloggiare.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022