Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Se abbiamo tutto il tempo del mondo, svegliamoci presto

Un “lusso” che è tra i più preziosi: non avere fretta. Mi sono seduta sul divano, mi sono lasciata assorbire dalla stanza che mi circondava e ho visto un film: Diaz.
Il mattino dopo e per tutto il giorno ho avuto un senso di irrequietezza irrisolvibile, mi sono sentita la violenza addosso, mi sono mancati i miei amici lontani, ho voluto Nicoletta e le nostre coperte con le margheritine pronte lì per salvarci con il loro abbraccio-mantello, come una carezza lanosa.
Nel luglio 2001, nella scuola Armando Diaz, a Genova, si temeva la cospicua presenza dei Black Bloc, gruppo anarchico insurrezionale il cui obbiettivo primario è la protesta attraverso la distruzione pressoché vandalica dei luoghi di mobilitazione sociale in cui si infiltrano, condita da una massiccia dose di volontà nel creare disordine e di impeto agli scontri con le forze dell’ordine.
Il caso Diaz viene ricordato poiché il solo supporre azioni aggressive è stato di per sé deterrente sufficiente a motivare e giustificare l’aggressività inaudita delle forme di repressione.
Non bisognerebbe dimenticare: la corruzione della mente a volte sa essere molto più prepotente di quella del cuore. L’impeto e l’animosità con cui viene messa in atto si scatena da rabbia e frustrazione ma ancor più dall’ignoranza, che è una delle peggiori nemiche della nostra società, pur detta (ad onor del vero e con una certa arroganza) “società dell’informazione”.
Episodi di questo o quel genere sono sulle cronache internazionali ormai all’ordine del giorno che è quasi superfluo e banale citarne i casi; ne siamo assuefatti ed è talmente entrato nella “norma” che non ne vogliamo neanche più saper nulla. Sono convinta che le giovani generazioni che si (auto) definiscono moderne, eclettiche, cosmopolite e figlie del mondo globalizzato, possano ancora svegliarsi un bel mattino di aprile e sorridere alla vita, quella priva di violenza.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024