Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Lettera a un amico in quarantena

IMG_4051

Ciao caro,

ti scrivo da casa, come immaginerai. Quando qualche anno fa l’ho scelta era già bella, ma non immaginavo certo che sarei riuscita a tenerla così pulita e ordinata! Oramai non saprei più cosa mettere a posto. Mi è andata bene comunque, avere un piccolo giardino è una manna dal cielo per respirare un po’ d’aria fresca senza il timore che i vicini mi denuncino come succede ultimamente a chi si arrischia a portare fuori il cane o i figli. Mi stupisce molto (in negativo) vedere queste dinamiche in atto. Siamo passati in quattro e quattr’otto dagli aperitivi in barba al virus a stare alla finestra pronti a insultare chi passa per strada in nome della Patria. Creature strambe siamo, non c’è che dire, soprattutto quando abbiamo paura.

Ma torniamo a noi…

In questi giorni ti penso spesso. Ci siamo sentiti qualche giorno fa al telefono ed eri piuttosto giù. Sei anche tu recluso da settimane e sono un po’ preoccupata. Temo che in questo isolamento forzato i dubbi e gli irrisolti che tutti abbiamo, e anche i tuoi, possano ingigantirsi fino a diventare a tratti troppo pesanti. Non sai quanto mi dispiace immaginarti lì in casa a fronteggiare da solo le bordate dei brutti pensieri o delle tristezze, sempre mischiati al senso di disastro imminente riproposto da tv, social e giornali.

Ci siamo detti che potremmo approfittare di questo tempo di quarantena per scrivere delle lettere alle persone care. Non lo facciamo quasi mai, ma scrivere una lettera può farci sentire vicini più di mille messaggini destinati a smarrirsi nella memoria del telefono. Una lettera resta. Ecco perché ti sto scrivendo in contropiede, senza aspettare che lo faccia tu. Ma per dirti esattamente che cosa?

Non ho istruzioni rapide per risolvere gli irrisolti, né tuoi né miei. Non ho strategie infallibili per rendere questa “vita sospesa” più leggera. Non sono capace di parole che facciano dimenticare la gravità della situazione che stiamo vivendo, con tutte le sue conseguenze. Non ho nemmeno più la certezza che tutto questo ci renderà migliori. Ma ti voglio bene e, questo sì, oggi voglio approfittare per ricordartelo, promettendo di consegnarti di persona questa lettera sconclusionata non appena potrò accompagnarla con un vero lungo abbraccio. Non so se potrà esserti in qualche modo di aiuto, ma te lo scrivo perché resti nero su bianco, con la speranza ardente che la fatica che stai facendo, che stiamo facendo, sia presto spazzata via dal pieno ritorno alla vita. Allora potremo provare ad affrontare gli irrisolti in condizioni normali, magari seduti insieme a chiacchiere sotto un bel sole di primavera.

Per ora posso solo mandarti un grande abbraccio virtuale.

ML

PS. Scrivimi anche tu se ti va!

 

Attualità

I vostri commenti all'articolo

2
  1. Maria Liana

    Ciao Laura, hai ragione! Rileggere certe “conversazioni” del passato è emozionante e non ci rimette in contatto con chi eravamo. Io oramai ci ho preso guasto e voglio riprendere l’abitudine alle lettere, anche perché in questo momento possono avere un valore di “vicinanza” con gli altri ancora più speciale. Chissà con che emozioni potremo rileggere tra tanti anni le lettere scritte oggi…

  2. Laura Cima

    Scrivi qui il tuo commento…Sono.una molto over trenta, cresciuta a lettere, ne ho una collezione. Recentemente le ho rilette per decidere che debbo tenere e che buttare visto che trasloco. Che emozioni e che ricordi.Fatelo, scrivete e conservate. Troverete un io passato di cui avrete perso memoria!

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022