Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il treno della speranza, fermata Tirocinio Formativo Attivo

tfa-ordinario-ii-ciclo-2014-errori-test_64062

Nella vita vorrei insegnare ma, come la grande maggioranza dei laureati in Lettere, nella vita faccio altro. Anche quest’anno però il magnanimo MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ci regala una speranza: il Tirocinio Formativo Attivo*, in pillole TFA (e a pensarci bene il nome è quasi quello di una confezione di pillole, supposte per la precisione). Una speranza per gli oltre 135.000 aspiranti docenti a fronte dei soli 24.000 posti disponibili.
Stando alla matematica 1 su 7 supererà le prove di accesso al TFA; a ribadirlo anche i miei (spero) futuri colleghi insegnanti trovati quella mattina sul treno. Così come mi ricordano anche la data del caduta del muro di Berlino, il passato remoto del verbo andare, la lunghezza del Nilo. E io mi chiedo come facciano ad aver memorizzato tutte queste cose. La domanda sul Nilo alla fine, per mia fortuna, non ci sarà, ma ce ne saranno altre di strambe: “Quale parola appartiene al vocabolario fondamentale italiano?” La scelta è tra “vestito”, “bivio”, “indagine”, “miope”. Io a malapena so cosa sia il vocabolario fondamentale.
Non la so, azzardo “vestito” secondo un ragionamento contorto che non credo sarò mai in grado di dimostrare ai miei fantomatici alunni ma la botta di fortuna è con me, e azzecco la risposta.
Dopo un’ora e mezza tra Dante, Zollverein, passando per Sidney, alzo lo sguardo dal foglio e provo a guardarmi intorno: è lo spettacolo più drammatico e allo stesso tempo più esilarante che io abbia mai visto in un’aula universitaria.
Chi cerca di scambiarsi informazioni, chi sbatte la testa contro il tavolo, chi impreca, chi si tortura i capelli e chi sorride dalla disperazione. A un certo punto nella folla vedo un volto amico: è una di quelle ragazze incontrate sul treno della speranza! Sì, lo ammetto, la riconosco perché è una ragazza alquanto carina.
La ricordo anche come una delle più speranzose, una delle più concitate e una delle più fervide credenti nel ruolo dell’insegnamento. E allora mi chiedo, possibile che il nostro futuro dipenda dalla posizione di una crocetta? Possibile che per il lavoro più bello al mondo, debba affrontare prove la cui reale efficienza è davvero dubbia? Veramente, nel caso dovessi superare il test d’accesso, dovrò cercare di racimolare oltre 2.000 euro per un corso che non coinciderà poi neanche lontanamente con una cattedra assicurata? Davvero per poter trasmettere certezze, ho solo una vaga speranza da cui partire?
Risposte non ne ho trovate. Al ritorno ho ripreso il medesimo treno dell’andata, le facce erano sempre le stesse, le speranze decisamente meno. Mi è venuta in mente una canzone di Ligabue che fa «quando smetti di sperare, inizi un po’ a morire». A morire non sono io per fortuna, ma forse la scuola italiana.

*Il Tirocinio Formativo Attivo  TFA è corso universitario di formazione e abilitazione alla professione di docente. Al termine del corso si svolge l’esame di abilitazione all’insegnamento. 
Le iscrizioni ai test preliminari d’accesso al corso si effettuano attraverso il portale internet https://tfa.cineca.itI termini per le iscrizioni al TFA e le date dei test di accesso vengono fissati annualmente con apposito decreto. 
Alle Università e agli Istituti di istruzione superiore accreditati dal MIUR per i corsi del TFA vengono assegnati annualmente dal MIUR un determinato numero di posti per ciascuna classe di concorso attivata.

Leggi anche:
La meravigliosa vita dei laureati in Lettere

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024