Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Festival dell’economia 2023 – Professione social

I social media sono stati uno dei primi argomenti toccati dall’edizione 2023 del Festival dell’Economia nella sua giornata inaugurale, giovedì 25 maggio. Moderati da Marco lo Conte e Alessia Tripodi, de Il Sole 24 Ore, hanno partecipato all’incontro Massimiliano Allievi, dottore commercialista, Marisa Marraffino, avvocata esperta in privacy e reati informatici, Riccardo Pirrone, pubblicitario e social media manager e Luca Salvioli, giornalista de Il Sole 24 ore.

Luca Salvioli ha iniziato il suo intervento basandosi sulla frase “si è passati dall’ammaestrare i leoni da tastiera ad ammaestrare gli algoritmi”. Il contesto dei social ha, difatti, attraversato una grande evoluzione: da Facebook, per il quale era centrale un rapporto con i nostri amici, a Tiktok nel quale l’esperienza di relazione e condivisione dei contenuti è legata solamente all’algoritmo. “La piattaforma cinese non si definisce nemmeno un social, perché ciò che vi conta maggiormente sono la raccomandazione e la viralità”, un modello, questo, apparentemente vincente, come ha spiegato Salvioli, tanto che viene altamente copiato: sta infatti avvenendo una tiktokizzazione dei social.

Tuttavia, i presenti in sala alla Filarmonica, molti dei quali giovanissimi, alla domanda “Quale social utilizzate maggiormente?” hanno alzato la mano soprattutto per Instagram. Tripodi ha quindi confermato che la tendenza corrisponde alla realtà, per la quale Instagram risulta il canale privilegiato dell’informazione: “la quantità del lavoro che c’è dietro ai contenuti è aumentata”.

Ciò avviene sia per chi ha fatto dei social il proprio lavoro, ossia i cosiddetti content creator, sia per chi, come il dottore commercialista Massimilano Allievi, i social li ha sfruttati per ampliare la platea della propria professione. “Venendo da un piccolo paese alle porte di Milano, per crescere professionalmente avevo bisogno di uno strumento nuovo, e così ho utilizzato i video per i social” ha spiegato, aggiungendo che oggigiorno essi sono utilizzati sia per intrattenersi, sia per imparare. Così, Allievi ha cominciato a portare sui social argomenti come la dichiarazione dei redditi, con un linguaggio semplice, esaustivo e accessibile. Per questo motivo è anche diventato uno dei volti del sole 24 ore, con il compito di spiegare contenuti “noiosi” con nuove chiavi di lettura.

Riccardo Pirrone, in qualità di social media manager di molte aziende importanti, ha spiegato come queste abbiano bisogno dei social per vendere i propri prodotti e che, quindi, “i loro contenuti risultano elementi di disturbo per chi è sui social solo per divertirsi. Pertanto, si raggiunge il pubblico con strategie che divertono, facendo spettacolo”. Il pubblicitario ha poi raccontato di aver fondato la prima Associazione Nazionale dei Social Media Manager, la quale prevede uno sportello di supporto per contratti, tutele e problematiche, e l’attivazione di un percorso per raggiungere un riconoscimento istituzionale della professione, anche mediante corsi di formazione certificata.

Marisa Marraffino, si è invece soffermata sugli aspetti legati alle norme dei social media, incentrando il discorso – anche tramite due casi studio – sul principio dell’autodeterminazione sui social, ossia sulla libertà di pubblicazione di propri dati e fotografie senza il timore che possano essere utilizzati per altre finalità, dunque illecitamente: “Sui social le regole esistono, ma il lavoro degli avvocati e della giurisprudenza è importante anche per dare nuove regole nel contesto in evoluzione”.

 

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 25 Maggio 2024