Da Ventotene a Pieve Tesino, al via la nuova edizione di Visioni d’Europa

Sono aperte le iscrizioni a Visioni d’Europa: il percorso di formazione e di impegno civile che chiama 12 giovani trentini a mettersi in cammino sulle tracce dei padri fondatori dell’Europa, visitando i luoghi in cui prese forma il sogno europeo e mettendosi poi al servizio dell’educazione alla cittadinanza europea nelle scuole trentine.

L’isola di Ventotene, perla dell’arcipelago pontino, non offre ai suoi visitatori solamente la bellezza delle sue acque cristalline ed il fascino del suo pittoresco porticciolo. Scelta dal fascismo come confino per i suoi oppositori – qui furono internati, tra gli altri, il futuro Presidente della Repubblica Sandro Pertini e Umberto Terracini, che presiederà invece l’Assemblea costituente –  essa è anche un luogo di memoria, simbolo della storia italiana ed europea: qui infatti, nella primavera del 1941, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi e Eugenio Colorni composero il celebre manifesto “Per un’Europa libera e unita”, poi noto con il nome di “Manifesto di Ventotene”, in cui per la prima volta si proponeva un progetto concreto di integrazione tra gli Stati europei.

Luogo di incontro, benché coatto, e fonte d’ispirazione per i padri dell’Europa, Ventotene oggi rinnova la sua funzione grazie a Visioni d’Europa, il percorso di formazione e di impegno civile ideato dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi e dall’Ufficio Politiche giovanili del Comune di Trento e dedicato a 12 giovani tra i 18 e i 25 anni residenti o frequentanti un corso di studio nel Comune di Trento e desiderosi di raccogliere il testimone dai grandi europeisti del passato.

Il progetto prevede infatti che i suoi partecipanti si ritirino per 4 giorni, dal 18 al 21 novembre, sull’isola con un mandato ben preciso: ragionare insieme, sulla scia del Padri fondatori dell’Europa, di come “portare l’Europa” nelle aule scolastiche della città di Trento, facendosi strumento di educazione alla cittadinanza europea.

Alle suggestioni offerte dal ritiro di Ventotene si aggiungeranno poi quelle proposte dal Museo Casa De Gasperi di Pieve Tesino, che al pari di Ventotene è oggi riconosciuto con il Marchio del Patrimonio europeo, e dove i partecipanti si incontreranno per proseguire l’elaborazione del percorso, scoprendo da vicino la vocazione europea del nostro territorio.

«Parliamo, scriviamo, insistiamo, non lasciamo un istante di respiro; che l’Europa rimanga l’argomento del giorno»: il monito di Alcide De Gasperi sarà anche il loro mandato, e così le loro idee – affinate attraverso il dialogo e il confronto  con i rappresentanti del mondo scolastico trentino – saranno poi la base di un ciclo di 6 webinar che gli stessi partecipanti dovranno organizzare a beneficio delle scuole della città, coinvolgendo personalità della cultura, dell’economia, della politica italiana ed europea.

Una sfida avvincente e coinvolgente e anche una testimonianza di impegno civico, che vuole fare della formazione tra pari lo strumento per andare oltre le vuote retoriche e suscitare coinvolgimento e responsabilità autentici.

Per candidarsi a partecipare è necessario compilare, entro il 10 novembre, l’apposito modulo online sul sito della Fondazione. La quota di partecipazione all’intero percorso, comprensivo di spese di viaggio e alloggio, è di 100 euro. Maggiori dettagli sull’organizzazione e lo svolgimento del progetto sono disponibili sul sito di Trentogiovani e della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021