Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

COP27, da Trento a Sharm El-Sheikh per il clima

Anche quest’anno cinque giovani partiranno con l’associazione trentina Viraçao&Jangada per partecipare alla Conferenza Onu sul Clima, in programma dal 7 al 18 novembre a Sharm El-Sheikh. L’esperienza si inserisce in un progetto più ampio che prevederà, nei prossimi mesi, la realizzazione di processi partecipativi territoriali rivolti ai giovani, sui temi inerenti all’emergenza climatica e alle misure di adattamento ai cambiamenti climatici in Trentino.

Il compito del gruppo sarà quello di raccontare la COP27 attraverso i canali di comunicazione di Agenzia di Stampa Giovanile (sito, profili Instagram e Facebook) e, soprattutto, attraverso il loro sguardo. Raccontare i negoziati, gli eventi, ciò che accade dentro e fuori i padiglioni, ma anche gli incontri e i momenti che rendono l’esperienza unica. Abbiamo incontrato due di loro per qualche domanda.

Per Emiliano Campisi, studente di Politiche Pubbliche a Bolzano, non si tratta di una prima esperienza, poiché lo scorso anno ha partecipato alla COP26 a Glasgow con lo stesso ruolo. Sulla base di ciò che ha già vissuto, cosa aspettarsi dalla COP in Egitto?

“Ogni anno la COP si tiene in un continente diverso. Nel 2021 è stata in Europa, a Glasgow, e c’era molto hype poiché era stata posposta dal 2020. Vi erano molte aspettative sui risultati e l’esito non è stato così negativo come la gente ha detto a posteriori, perché si sono confermati gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, tra cui il mantenere il surriscaldamento globale sotto l’1,5°C. Negli ultimi dodici mesi vi sono poi stati dei miglioramenti e il numero dei Paesi del mondo che hanno dichiarato obiettivi di decarbonizzazione è aumentato considerevolmente. Quest’anno la COP si terrà in Africa: ci sono un sentire e un focus diversi, incentrati sull’adattamento ai cambiamenti climatici e sui metodi finanziari ad esso relativi. È centrale il tema delle responsabilità storiche differenziate, della transizione giusta che non lasci nessuno indietro. La velocità con cui si deve decarbonizzare crea vinti e vincitori e a rimetterci è chi ha meno possibilità. Quest’anno è essenziale che si arrivi a un accordo per riequilibrare la situazione per chi subisce di più ma ha meno responsabilità e meno possibilità”.

Federica Dossi è una trentina che studia Economia Ambientale in Olanda. Quanto è importante per lei “andare via” e portare le esperienze dall’estero in Italia e in Trentino?

“La crisi climatica è un problema di natura globale, è anche questo il motivo per cui si fanno le COP. Anche un evento a Sharm ha un impatto diretto su quello che sperimentiamo qui in Trentino. Nel piccolissimo comune in cui vivo, ad esempio, stanno intercettando un’altra fonte perché quella che si usava in precedenza è completamente vuota. Questo dimostra come le conseguenze del cambiamento climatico si vivono in ogni territorio ed è dunque importante riportare le esperienze. Sono andata a studiare all’università all’estero per fare qualcosa di utile per l’ambito in cui studio. Ho avuto la necessità di andare via a studiare, ma l’ho fatto in ottica di ritorno. L’obiettivo finale è quello di tornare a casa e, con l’esperienza accumulata all’estero, aiutare da casa”.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022