Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Compassione

Stavo leggendo il libro “La strada del davai” di Nuto Revelli, mentre mio marito guardava il tg. La notizia era quella delle barricate di Gorino. La frase appena letta “avevano niente e quel poco lo condividevano con noi” si riferiva alla popolazione russa che nutrì e sfamò gli alpini durante la ritirata nei primi mesi del ’43.

banner

Contadini, gente povera apriva le porte e offriva ristoro agli invasori in rotta, a chi con armi era andato a conquistare la loro terra ed ora miserabile e stracciato fuggiva. L’esercito vittorioso che incalzava gli invasori era composto dai figli, mariti, padri di quelle stesse donne che aprivano le porte nella speranza che, se loro avessero trattato con umanità quegli uomini, altri avrebbero fatto lo stesso con i loro una volta giunti in terra straniera. Ma non fu solo questo. I testimoni raccontano che la popolazione ebbe pietà di loro. Negli occhi delle donne non c’era odio, ma compassione. Era tempo di guerra. La popolazione aveva fame, senza quelle provviste non avrebbero sopportato l’inverno, ma non si tirarono indietro.
Ed ecco l’attualità: noi nutriti, al caldo e con ampie riserve alziamo le barricate. Parliamo di invasione, ma di fronte abbiamo persone inermi che fuggono con l’unica cosa preziosa che gli resta: la speranza.

I termini che usiamo sono importanti: le parole forgiano il pensiero, non vanno usate alla leggera. Li definiamo: costo, problema, invasione, delinquenti o presunti tali, immigrati, clandestini; gente venuta a toglierci qualcosa, a impoverirci. Forse sono queste parole che ci impediscono di vedere uomini e donne, di interessarci alle loro storie, al loro dolore.

Forse se tornassimo a parlare di uomini e donne sapremo posare su di loro uno sguardo nuovo, uno sguardo di compassione. Cumpatio: muovere il cuore, condividere la sofferenza, portarla insieme, mettersi nei panni dell’altro.

L’Europa è nata da una catastrofe immane. Dal sangue e dalle macerie prese vita un progetto di pace con un solo imperativo e monito: mai più! Mai più si ripeta un male così terribile e immenso ma, come insegna Hannah Arendt, anche così banale. Non sono infatti i mostri a compierlo, ma le brave persone che hanno perso la capacità di mettersi nei panni degli altri. La banalità del male è mancanza di empatia.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024