Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Cinque sguardi al futuro dal Festival dell’Economia

«La costruzione del futuro è uno dei temi cardine dell’economia» così l’apertura dell’evento Materia Futuro: nuove riflessioni sul domani, tenutosi domenica 5 giugno presso il Forum ITAS nell’ambito di Fuori Festival. Cinque ospiti e cinque visioni del futuro, l’una diversa dall’altra, ma in ottica di preziosa contaminazione.

Il detto “si impara facendo” è la base per l’intervento di Giovanni Lo Storto, Direttore Generale della LUISS Guido Carli, incentrato sull’importanza della formazione continua. La riflessione parte dall’evoluzione delle tecnologie posta in contrasto con la classe delle scuole elementari, rimasta per lo più uguale al passato. Qui, secondo Lo Storto, deve avvenire una profonda trasformazione, assecondando la creatività e sviluppando la collaborazione. Come ci viene spiegato, infatti, «scegliere in base alla propria propensione e passione significa essere coerenti con la visione di sé stessi nel futuro, per questo serve un orientamento basato su valori diversi. Siamo educati sin dalle elementari a vedere l’altro come antagonista, mentre poi nel mondo del lavoro con l’altro è necessario lavorare». La sfida odierna sta quindi nell’empatia, entrata impetuosamente tra le nuove competenze richieste oggi. Essa deve essere coltivata insieme ad altri fondamentali strumenti: allenamento alla diversità, inclusione e comprensione dell’altro.

La costruzione del futuro si basa anche sull’importanza di testimonianze e fonti che giungono dal passato. Carlo Barbante, Direttore dell’Istituto di Scienze Polari del CNR, introduce a questo proposito il progetto Ice Memory, incentrato sul ghiaccio quale contenitore di informazioni preziose. «Il ghiaccio e la neve si stratificano con il passare del tempo e intrappolano dentro di sé non solo sostanze, ma anche bolle d’aria, contenenti un campione di atmosfera del passato» e il progetto si occupa di prelevare porzioni di ghiacciaio sino alle sue fondamenta, allo scopo di trarne informazioni. Ma non solo: uno degli obiettivi centrali è quello di lasciare materiale ai posteri poiché «in futuro le tecnologie saranno più avanzate, ma non ci sarà più ghiaccio da studiare a causa del cambiamento climatico».

Anche Luca Beverina, professore ordinario di Chimica Organica all’Università Milano Bicocca, ci parla di ambiente e sostenibilità. Partendo dalla famosa prima foto della Terra scattata dalla missione Apollo8 e chiudendo con la riflessione di Carl Sagan sul pale blue dot, emerge come parola chiave dell’intervento “trasformare”. «Comprendere limitatezza dell’umanità è comprendere l’importanza della trasformazione, la quale da irreversibile deve poter diventare reversibile» spiega il professore, riferendosi soprattutto alle materie prime e invitando a una riflessione sull’imparare dalle piante e dalla natura. Da essa è fondamentale solo «prendere in prestito le risorse, passando dal modello di produzione lineare a quello circolare». Fondamentali nell’ambito le risorse rinnovabili, il risparmio energetico e le reti intelligenti, il tutto poiché «la sostenibilità è una questione di compromessi».

Dall’universo al DNA, la visione del futuro di Isabella Saggio, genetista de La Sapienza, ci porta all’interno del corpo umano, toccando la delicata questione dell’immortalità. Nel momento presente, le tecnologie stanno progredendo rapidamente nell’anti-aging grazie a diversi esperimenti di manipolazione genetica. I modi per non invecchiare si basano su trasfusioni di sangue giovane, telomerasi nei geni ed editing del genoma. Tali azioni sono per ora solo sperimentali e presentano vantaggi e rischi: «C’è ovviamente un interesse economico e questa mescolanza tra soldi e tecnologia è pericolosa, bisogna dunque procedere con cautela».

Quinta e ultima visione, a chiudere l’incontro è una riflessione di Daniel McFadden, Nobel per l’Economia 2000, sulla storia dell’umanità dalla sua nascita, ripercorrendone lo sviluppo e gli errori che rendono meno efficiente la distribuzione delle risorse sul mercato.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022