Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

C’è tempo e tempo – Eleonora Angelini

tempo2

I fisici, Einstein in testa, ci hanno spiegato e rispiegato – il concetto è tutt’altro che semplice – che non esiste un tempo solo. È stato dimostrato che nell’Universo il tempo non scorre uguale dappertutto: è più lento o più veloce a seconda di complesse variabili che sfuggono alla nostra percezione. Gli psicologi, e la nostra esperienza personale, ci hanno invece chiarito, e questo lo abbiamo capito subito, che in situazioni diverse la nostra percezione del tempo è altrettanto diversa. Quando aspettiamo un’amica, di quelle regolarmente in ritardo, il tempo non passa mai. Quando invece stiamo vivendo un momento speciale, di quelli che vorremmo eterni, quasi per dispetto il tempo passa in un soffio.

La prima questione la lasciamo alle dissertazioni degli scienziati, che continuano ad avere il loro bel da fare per destreggiarsi su un argomento tanto complicato, e oggettivamente contro intuitivo. Del secondo, quello della percezione soggettiva, è invece più sensato parlarne, anche al di fuori della stretta cerchia degli addetti ai lavori. Questo, per arrivare al momento che stiamo vivendo, in cui il tempo è entrato con prepotenza nella nostra quotidianità. Un po’ perché ci chiediamo, quasi ogni giorno, quando finirà l’incubo che sta attanagliando il mondo. E’ già arrivato il picco? Quanto ci vorrà per non correre più rischi di contagio? La ripresa la dobbiamo prevedere in mesi o in anni? Domande che, o non hanno risposta, o che ne hanno talmente tante da sconcertare chiunque.

Procedendo, c’è la questione di come individualmente percepiamo questo tempo strano, per la gran maggioranza di tutti noi trascorso in casa. Per alcuni, ad esempio chi vive, o cerca di continuare a vivere in mondi costretti, pensiamo alle RSA o alle carceri, è probabile che il tempo continui a passare come sempre. Con il carico di angoscia in più prodotto dal cataclisma che stiamo attraversando, ma con la consueta estenuante lentezza. Qualcosa di simile, anche se in modo meno acuto, lo vivono i pensionati o gli anziani: almeno quelli che non hanno la giornata ricca di impegni nel lavoro, nel volontariato, negli adempimenti familiari o negli hobby.

Un caso a parte è rappresentato da quella categoria, di cui in verità faccio parte anch’io, che della frenesia ha fatto un mantra. Innanzitutto nel lavoro, sempre prioritario, stivato fino all’orlo delle giornate, fisiologicamente indietro nella tabella di marcia. Ma, per una sorta di effetto trascinamento, anche nella vita quotidiana. Per questa categoria il cambiamento è stato davvero brusco. Da agende stracolme ad impegni più radi. Da incontri a ritmo intenso a contatti on line, limitati alle cose essenziali. Da un scivolare, quasi inconsapevole da un’occupazione all’altra, a una maggiore attenzione a ciò che si pensa e a ciò che si fa. Un cambio traumatico che ha aperto una diversa visione su una quotidianità, quella che ci lasciamo alle spalle, che cominciamo a vedere nella sua assurda insensatezza.

Senza entrare nel merito di questioni complesse, e intimamente contraddittorie, come i rischi evidenti della globalizzazione delle produzioni, del consumismo sfrenato, della rete e i suoi padroni, della finanza speculativa, accanto a quelli prodotti dalla dissennata aggressione agli equilibri della natura, ritenere indispensabile un profondo ripensamento delle logiche con cui oggi procede il mondo appare in tutta la sua evidenza.

E insieme a questo, anche il nostro modo di vivere la quotidianità, con le sue priorità e con quel fondamentale, delicato, discrimine che ci fa distinguere ciò che è sensato da ciò che sensato proprio non è. E l’uso appropriato del tempo, in questa prospettiva, è uno dei più importanti banchi di prova.

Di solito siamo campioni nel rimettere nel cassetto i buoni propositi fatti nei momenti di emergenza. Questa volta ho però la gelida sensazione che il colpo sia stato talmente duro, talmente violento, da lasciare un solco profondo non solo nel nostro modo di pensare al tempo, e al suo scorrere, ma anche alla vita, e ai suoi veri e falsi significati.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022