Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Agosto degasperiano 2022: “Custodi del Fuoco”

Dal 21 luglio al 15 settembre torna l’appuntamento con l'Agosto degasperiano, la rassegna di eventi organizzata ogni estate dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi che attraversa i luoghi cari allo statista trentino facendone teatro di una riflessione di ampio respiro sulle sfide del vivere civile.

Dal 21 luglio al 15 settembre, la Valsugana sarà animata dalla settima edizione dell’Agosto degasperiano, il ciclo di incontri – organizzato dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi – connessi da un filo conduttore, il famoso motto di Gustav Mahler: “Tradizione non è culto delle ceneri, ma custodia del fuoco”. Gli eventi si svilupperanno poi in maniera indipendente, restando collegati a questo concetto di “fuoco da proteggere” oltre che a temi chiaramente connessi alla memoria dello statista.

Gli ospiti protagonisti sono propri di settori molto diversi tra loro e, nell’ordine riportato, saranno: Paolo Rumiz, Vittorio Lingiardi, Marco Aime, Ilaria Gaspari, Vito Mancuso, Sergio Fabbrini – che terrà la XIX Lectio degasperiana in quel di Pieve Tesino –, Pietro del Soldà e Vanessa Roghi. L’evento che avrà Paolo Rumiz come ospite – “Canto per l’Europa” – sarà organizzato insieme al Festival Trentino 2060: sarà per loro l’evento conclusivo, mentre per l’Agosto degasperiano sarà il primo atto.

La volontà di costruire e fare il bene del territorio, tra associazioni che hanno come scopo la promozione culturale, è stata espressa dal direttore della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi – Marco Odorizzi – che, durante la conferenza stampa di presentazione del mese di eventi, ha dichiarato come “per chi lavora nella cultura non sia necessario dimostrarsi meglio degli altri, ma lavorare insieme per tagliare traguardi maggiori”.

Alla conferenza hanno presenziato anche Stefano Ravelli, amministratore delegato dell’Apt Valsugana-Lagorai, e il direttore artistico del Festival Trentino 2060, Davide Battisti. Proprio quest’ultimo ha sottolineato la forte connessione tra i temi delle due rassegne che movimenteranno l’estate trentina.

Parlando del tema di quest’anno, il direttore della Fondazione ha specificato come l’anno scorso la domanda da porsi era “dove vogliamo arrivare”, come individui e come collettivo, mentre quest’anno il focus sarà sul “come vogliamo arrivare agli obiettivi posti”: l’attenzione sarà volta proprio su dei punti, comuni al pensiero degasperiano, che potrebbero rappresentare la chiave per il raggiungimento di questi risultati.

Le key-words del festival saranno: accoglienza, convivenza, identità, dignità, coerenza, responsabilità, pace, avventura ed educazione. Nove parole per nove incontri: tutti necessari per avviare la ricerca di quel fuoco che sia degno della nostra protezione, prendendo consapevolezza della necessità di scindere fiamme e ceneri, ovvero quello che conta e quello che invece, per la nostra complicata realtà, risulta superfluo.

L’intervento conclusivo di Stefano Ravelli ha ben reso il valore di lavorare insieme in questi momenti. È stato infatti enfatizzato come negli ultimi anni sia stata evidente una convergenza tra gli obiettivi dei due enti – Apt e Fondazione  Trentina Alcide De Gasperi – e come attimi di confronto, come l’Agosto degasperiano, vadano innanzitutto a costruire un’identità propria del territorio, oltre che a ergersi a garanzia di una maggiore coesione per quello che il futuro riserva alla terra, patria della vita e teatro del lascito, di Alcide De Gasperi.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022