Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Venerdì13: la sfiga globale

Venerdì13: la sfiga globale

Nella mitologia scandinava c’erano 12 semidei e poi arrivò il tredicesimo, Loki, un misantropo che voleva fare fuori un mucchio di biondini strafighi.
Nel mondo cristiano si pensa ai 13 presenti all’Ultima Cena di Cristo, e il tredicesimo era Giuda, quel burlone.
Lo storico greco Diodoro Siculo (I secolo a.C.) riferisce che Filippo II (IV secolo a.C.), re di Macedonia e padre di Alessandro Magno, fu ucciso da una sua guardia del corpo dopo aver fatto mettere una propria statua accanto a quelle delle dodici divinità dell’Olimpo (la morte sarebbe stata la conseguenza di questo “sgarro” agli dèi). Pensa se si fosse fatto costruire in casa un vulcano artificiale che erutta e provoca un terremoto?!

Per gli assiro-babilonesi il 12 era un numero sacro perché facilmente divisibile. Quindi il 13, che viene dopo il 12, avrebbe acquisito la fama di portasfortuna. A dimostrazione del loro amore per l’algebra. Il venerdì per i cristiani è il giorno nefasto in cui fu crocifisso Gesù Cristo. Il venerdì per i musulmani è il giorno nefasto in cui Adamo ed Eva mangiarono una succosa Golden del Trentino.

L’ordine dei Templari cadde il 13 ottobre 1307, il venerdì nero di Wall Street del ’29 segnò la più grave crisi del secolo scorso, il disastro dell’Apollo 13, lanciato alle 13:13, mandò in fumo progetti e dollari. And so on.

Ma in Italia tutto funziona al contrario. Anche la sfiga. Così il 13 è un numero fortunato e sacro (Sant’Antonio docet) e quando qualcuno ha un colpo di fortuna si dice che “ha fatto 13″. E l’italica patata bollente passa al 17. Anagrammando il numero romano XVII viene fuori VIXI, cioè “io vissi”, quindi ora…

Alitalia, tra un fallimento e l’altro, un guasto e un ritardo cronico, ha pensato bene di occuparsi di sfiga e, mettendo d’accordo tutti, ha rimosso le file 13 e 17. Il presidente di Air France Jean Cyril Spinetta, nei periodi in cui si pensava all’acquisto della compagnia italiana, dichiarò che: «Per risolvere la crisi di Alitalia ci vorrebbe un esorcista». Quid pluris.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024