Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Una passione, di seconda mano

Foto di Darya Tryfanava, Unsplash.

 

Dagli intramontabili mercatini che riempiono le vie, dove perdersi tra mille chincaglie armati di una massiccia propensione alla scoperta, alle più moderne ed efficienti applicazioni per smartphone: tra vere occasioni e qualche abbaglio, il mercato del second hand – dell’usato o del vintage che dir si voglia – è un mondo ricco, in continua crescita e abbastanza vasto da comprendere ogni settore, non solo l’abbigliamento! E allora, scopriamo di più di questo interessante fenomeno che caratterizza così tanto il nostro presente.

Solo in Italia quello dell’usato è un mercato che vale ben 24 miliardi di euro e che interessa 23 milioni di persone. Numeri destinati a salire, basti sbirciare quanto recentemente riportato dall’Osservatorio Second Hand Economy, diretto nel marzo 2021 da Bva Doxa per Subito e giunto alla sua ottava edizione, che mostra quanto ogni anno il second hand attragga un numero di interessati sempre maggiore. Chi sono? La fascia di età tra i 35 e i 44 anni si conferma essere la maggiore fruitrice, ma ci sono anche i giovani laureati, i giovanissimi della Generazione Z e le famiglie con bambini. Insomma, la tendenza ad acquistare di seconda mano ha saputo conquistare un po’ tutti.

Il volume di affari generato è – sempre più – online, che da solo arriva a costituire il 49% del totale e che dal 2014 al 2021 è passato da 5,4 a 11,8 miliardi di euro, crescendo di 1 miliardo ogni anno. Fare acquisti vintage ma farlo online è una combo tra vecchio e nuovo che piace, perché molti lo considerano più veloce rispetto al tradizionale giro tra negozi e bancarelle, perché presenta una scelta più vasta e perché – divano sempre nel cuore – consente di fare acquisti restando comodamente seduti a casa. Cosa si compra online? Anche qui, di tutto un po’: dall’abbigliamento agli accessori, dai libri all’informatica, dai casalinghi ai motori.

Ma cosa spinge tante persone ad atterrare, e a mettere stabilmente radici, nel variegato pianeta del second hand? Per chi compra, innanzitutto, è il risparmio la motivazione principale per preferire l’usato al nuovo, ma anche la certezza, in crescita, che sia un ottimo modo per contrastare gli sprechi grazie alla pratica del riuso. Per chi vende, invece, l’urgenza è prima di tutto quella di svuotare casa, togliendosi da sotto gli occhi, una volta per tutte, le tante carabattole che da troppo tempo giacciono abbandonate negli angoli più bui. E per monetizzare, s’intende.

Talvolta, però, il fiuto dei consumatori avvezzi al vintage è fine, molto fine, e mira, più che al semplice risparmio, alla ricerca del pezzo unico che saprà distinguerli in un mondo così omologato. Ci sono poi gli acquirenti sensibili e romantici, a caccia di oggetti che possano raccontare una storia, la storia di chi li possedeva prima, di chi li ha amati, odiati, vissuti. Ecco allora che conoscere il passato di un oggetto diventa fondamentale, un valore aggiunto – anche economico – che permetterà di prendere parte a un racconto iniziato altrove nel tempo e nello spazio e che ora prosegue nelle nostre mani. Talvolta alcune storie potranno essere costruite ad hoc, ma ad ogni modo basta crederci per trasformare un oggetto qualunque in un poetico amuleto, da conservare gelosamente… magari per il prossimi acquirente!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022