Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Tra laggare e pingato: dizionario videoludico della Generazione Z

“Sto laggando come un toro”.

Sobbalzo sulla sedia. Di là mio fratello gioca alla PlayStation ed evidentemente – siamo soli in casa – viene da lui la curiosa espressione. Sfoglio rapidamente il dizionario che ho in testa, consulto finanche quello greco-latino, ma non riesco a dare un senso al verbo laggare. Probabilmente deriva dallo slang inglese arcinoto alla Generazione Z, non è colpa mia se sono nato negli anni sbagliati, suvvia. Ma la défaillance mi infastidisce.

“Siamo in safe”.

Sempre lui, sempre alla PlayStation. Intuisco il significato dell’espressione e questo mi rincuora. Non solo mi rincuora, ma mi infonde quel tanto di sicumera necessaria a indossare i panni del cattedratico e a convincermi a scrivere questo breve dizionario utile a comprendere la Generazione Z quando sta davanti ai videogiochi.

Laggare – Da lag, ‘ritardo’. Si tratta di uno sfasamento tra il video visto a schermo in un determinato momento e il video effettivo che si dovrebbe vedere. Il lag è provocato da un calo della connessione che genera rallentamenti del video o addirittura interruzioni.

Pushare – Da push, ‘spingere’. Pushare è un termine utilizzato nei giochi di squadra e indica sostanzialmente agli altri compagni di attaccare il nemico.

Pingato – Da ping, ‘Packet INternet Groper’. È un altro termine legato alla connessione a Internet e indica la velocità con cui un pacchetto di dati viene inviato a chi lo richiede. Più il ping è basso, più veloce è la connessione e più rapida è la risposta. Se il ping è viceversa alto, il gioco rischia di laggare.

Cringiata – Da cringe, agg. ‘imbarazzante’; sost. ‘il suscitare imbarazzo’. Trattasi di termine che ha in realtà scavalcato l’ambito videoludico per entrare nell’uso comune. O, più probabilmente, ha scavalcato l’uso comune per entrare anche nell’ambito videoludico. Indica generalmente un particolare tipo di imbarazzo (o di situazione imbarazzante), cioè quello che provano (o in cui si trovano) le persone giovani nei confronti di quelle più anziane quando queste cercano di atteggiarsi a giovani*. Nel tempo il ventaglio di imbarazzi coperti da cringe si è allargato, tanto che oggi con cringiata possono essere etichettate un sacco di cose: rimane tuttavia centrale come prerogativa del termine la dicotomia giovane-adulto.

* esiste anche il caso di cringe generato da un adulto che usa la parola cringe un po’ a casaccio, cercando maldestramente di mettersi allo stesso livello per esempio del figlio. In questo caso si può parlare di meta-cringe.

Slidare [da pronunciarsi slaidare] – Da slide, ‘scivolare’. Indica la mossa che un personaggio di un videogioco può fare per uscire da situazioni intricate. Sinceramente, mi aspettavo di meglio quando ho sentito sbraitare questo termine da mio fratello, e immagino che anche chi consulterà questo breve dizionario condividerà la mia stessa aspettativa. Ma tant’è: mica si può sempre coniare geniali neologismi.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

lunedì 5 Dicembre 2022