Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

This War of Mine: il gioco in cui la guerra non è un gioco

Fin dalle loro origini, i videogiochi hanno teso ad immergere i giocatori in un contesto violento e sanguinario come la guerra. I personaggi impersonati sono tendenzialmente sempre stati soldati addestrati, armati fino ai denti e senza paura, non molto diversi dai protagonisti dei film d’azione hollywoodiani che ci divertono e intrattengono da generazioni. Chissà come reagirebbero i nostri avi o gli abitanti di paesi meno fortunati, se sapessero che noi per divertirci spariamo, facciamo saltare in aria o diamo fuoco ai nostri amici, seppur virtualmente?

Esiste, però, un videogioco in cui la guerra è tutt’altro che fonte di divertimento e ilarità: This War of Mine. Esso è ispirato all’assedio di Sarajevo e a quello di Mostar, e gli sviluppatori (11 bit studios) hanno consultato un sopravvissuto di quest’ultimo per rendere l’esperienza più realistica.

Il gioco è ambientato in una città di fantasia di nome Pogoren, i cui cittadini si trovano costretti a rifugiarsi in alloggi di fortuna dopo lo scoppio di una guerra. La partita inizia in una catapecchia mezza distrutta dai bombardamenti e occupata dal piccolo gruppo di protagonisti, i quali dovranno riassestarla per renderla quantomeno vivibile. All’inizio, infatti, mancano letti, sedie ed ogni genere di comodità. Perfino gli alimenti e le medicine sono ridotti al minimo, perciò nelle ore notturne un membro del gruppo dovrà andare in cerca di provviste, mentre gli altri dormiranno o faranno la guardia, difendendosi come potranno dagli attacchi dei malintenzionati.

A inizio partita, il giocatore può scegliere quali personaggi guidare in questo inferno, eccone alcuni:

Boris è il personaggio più forte fisicamente, e anche quello capace di portare più oggetti durante le missioni. È un comandante? Un generale? No, è un magazziniere, un uomo lento, goffo e chiassoso, nonché l’unico superstite dei bombardamenti che hanno ucciso sua moglie e suo figlio.

Emilia è un avvocato, sorella di un medico e figlia di un altro avvocato, il quale aveva insegnato loro l’importanza della stabilità economica. La chiusura delle banche, la perdita di valore della moneta e la mancanza di valuta estera hanno comunque reso Emilia povera.

Kalina è un’orfana di guerra, una bambina che ancora aspetta il ritorno dei genitori e del fratello, mentre gli altri sopravvissuti si prendono cura di lei come possono.

In questo gioco in bianco e nero non si fa riferimento alle ideologie e alle ragioni che guidano le diverse fazioni, perché ai suoi protagonisti tutto ciò non interessa. Essi tuttavia sono estremamente umani, e non si daranno pace dopo aver dovuto scegliere tra derubare degli anziani o lasciar morire di fame uno dei loro; dopo aver ucciso un uomo per non essere uccisi a loro volta o, ancora, dopo non aver prevenuto il suicidio di un compagno.

This War of Mine è un gioco crudo, ma non è nulla in confronto a quello che i veri civili devono sopportare nelle zone di guerra, quelle che fino a poco tempo prima loro chiamavano casa. Non è più questione di vivere, ma di sopravvivere. Si smette di pregare per i miracoli, si implora per il cessate il fuoco.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024