Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Storie di giovani che cambiano le cose: lo Strike di TiramiScience

Amare la scienza e, soprattutto, la sua divulgazione al pubblico: ecco il tratto che accomuna i giovani del team di “TiramiScience”, progetto selezionato tra i dieci finalisti del bando Strike 2020 e tra i due premiati a pari merito dai voti del pubblico. «Quando fai scienza – ne è convinto Mattia Antonini, 28 anni, impegnato in un dottorato di ricerca a Trento sull’intelligenza artificiale applicata a dispositivi portatili – vuoi imparare il più possibile, hai fame di conoscenza. Ma la cosa più bella è condividere quello che hai imparato e che conosci con altre persone».

Quando Mattia si trasferisce a Trento entra in contatto con un gruppo di divulgatori trentini che condividono la sua stessa passione. Si ritrovano spesso a parlarne al pub davanti a una bella pinta di birra, ma il 10 marzo scorso scatta il lockdown. «Non potevamo più incontrarci, ma è stato in quel momento che dentro di me è scattato qualcosa: la voglia di continuare a fare divulgazione da casa». E così, coinvolgendo l’energia di altre persone e del gruppo di divulgazione, ad aprile del 2020 nasce TiramiScience, anche detto “la scienza che ti tira su!”. Perché cosa c’è di meglio che parlare di scienza in compagnia mentre si affonda il cucchiaio in una bella teglia di tiramisù?

«In questo momento abbiamo proprio bisogno di qualcosa che ci tiri su!», spiega Laura Cattoni, 36 anni, parte del team di 17 giovani, di cui 14 ragazze, che si è inventato questa metafora così “golosa” per il progetto – Siamo un gruppo di ricercatori e divulgatori amanti della scienza in ogni sua forma con la voglia di creare una comunità, educarla alla cultura scientifica e anche al rispetto dell’ambiente. Il nostro obiettivo è trasmettere la nostra voglia di conoscenza della scienza anche ad altre persone, in maniera diretta, coinvolgente ed accessibile».

Il segreto? Riuscire a tradurre la complessità e il fascino della scienza in una semplice chiacchierata in tranquillità, in diretta streaming. «Finora abbiamo trasmesso 16 presentazioni di ricercatori e startupper [NdR, alla data odierna 23] che ci hanno parlato degli argomenti più disparati – racconta Daniela Michelatti, 28 anni – e stiamo continuando a crescere, sia come numero di persone che fanno parte del nostro team che come numero di follower sui social».

Da aprile 2020 TiramiScience, che a febbraio 2021 si è costituita come Associazione di Promozione Sociale, organizza con costanza una diretta ogni due settimane, il martedì sera alle 21.00 sia su Facebook che su Youtube, coprendo tematiche che spaziano dall’astrobiologia al Coronavirus, dalla fisica delle particelle al cambiamento climatico, dalla prevenzione dei tumori agli “orsetti d’acqua”. Ogni appuntamento dura da mezzora a un’ora circa e permette al pubblico di togliersi molte curiosità facendo domande direttamente agli intervistati.

«Questo progetto – racconta Mattia – ci ha permesso di conoscere persone veramente incredibili e di imparare tantissime cose. Forse la più bella che abbiamo imparato è che ogni giorno emettiamo più di 340 milioni di neutrini, particelle piccolissime e veramente birbantelle». Gli fa eco Daniela, avvertendoci tutti della conseguenza di gran lunga più importante di questa scoperta: «Quindi non importa se ancora non hai incontrato la tua anima gemella, perché probabilmente un tuo neutrino l’ha già fatto». «O forse un suo neutrino ha incontrato te», chiude il cerchio Laura…

Questa sì è una notizia che può tirarci su!

“Strike” è promosso da Agenzia per la Famiglia, Natalità e Politiche Giovanili (APF) della Provincia Autonoma di Trento e Fondazione Demarchi in collaborazione con Cooperativa Mercurio e Smart. Tutti i video degli Striker sono disponibili sul sito www.strikestories.com.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022