Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Storie di giovani che cambiano le cose: lo Strike di Marco Raffaelli ed Elena Sorrentino

È la passione per i bottoni a unire Marco Raffaelli ed Elena Sorrentino, entrambi di 31 anni, due illustratori che hanno deciso di raccontare la loro storia all’edizione 2021 di Strike, bando che ricerca e premia ragazzi tra i 18 e i 35 anni che hanno saputo dare forma concreta a un loro sogno. Cosa fanno Marco ed Elena? Cartoni animati. E quindi, cosa c’entrano i bottoni? Quasi niente, in effetti, ma procediamo con ordine.

Elena e Marco si conoscono al Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino. In seguito coinquilini a Firenze per motivi di lavoro, scoprono presto di condividere «un’inspiegabile simpatia per i bottoni», come la definiscono, ma questa sarà soltanto la scintilla, il singolare inizio di un’intesa ben più ampia. «Abbiamo stretto un forte legame – ci racconta Elena – sia dal punto di vista umano che dal punto di vista grafico/creativo. In qualsiasi contesto, cerchiamo entrambi di trovare le forme e i tempi giusti per strappare un sorriso a chi ci sta intorno». Come? Creando Pogu Studio, per lavorare assieme alla realizzazione di simpatiche e coloratissime clip illustrate. Qui non si parla di bottoni o di ago e filo, infatti, ma piuttosto di illustrazione, animazione e narrazione. Più semplicemnte, cartoni animati.

È uno stile particolare a caratterizzare le loro produzioni. «Ci piace pensare ai nostri cartoni come se fossero illustrazioni o piccoli teatrini di carta che prendono vita – racconta Elena, che si definisce la parte più istintiva del duo –, forme che messe assieme vanno a comporre storie, mondi. Applichiamo su luoghi e personaggi una texture che richiama la carta, donando loro un forte carattere materico».

Marco, la componente pragmatica, prosegue entrando più nel dettaglio della loro attività. «Io ed Elena lavoriamo sia come autori completi per piccoli videoclip animati o cortometraggi che come background artist e animatori per produzioni e lungometraggi di grande distribuzione». Già molti e interessanti, infatti, i progetti all’attivo: per citarne alcuni, si va dalle collaborazioni nel ruolo di background artist (curatori degli sfondi) per la serie Baby e il film Tolo Tolo di Checco Zalone, all’incarico di animatori nelle serie di Topo Gigio 2020 e Strappare lungo i bordi, quest’ultima firmata da Zerocalcare. Come autori completi, invece, Elena e Marco hanno realizzato ben due videoclip per lo Zecchino d’Oro, il Cha cha cha del gatto nella scatola e Il ballo del chihuahua, nonché clip animate inserite nel lungometraggio Io e Spotty, del regista Cosimo Gomes. «Oggi – conclude Marco con un breve cenno sui propositi per il futuro – il nostro obiettivo è sempre più quello di lavorare a progetti personali, a storie nostre, dai piccoli video alle produzioni più corpose in collaborazione con altri artisti».

Ma i bottoni, dunque? Nulla, rimarranno quella bizzarra scintilla d’intesa che per prima ha intrecciato le loro strade, nonché il nome che la coppia ha deciso di assegnare a firma delle loro produzioni creative: Pogu Studio, dove “pogu” sta per “bottone” in lingua lettone.

“Strike” è promosso da Agenzia per la Coesione Sociale della Provincia Autonoma di Trento e Fondazione Franco Demarchi e realizzato con la collaborazione di Cooperativa Mercurio, Cooperativa Smart e Fondazione Antonio Megalizzi, con il supporto di Gruppo ITAS Assicurazioni (main sponsor), LDV20 – Sparkasse, Vector, Favini e con la partecipazione di Loison. Tutti i video degli Striker sono disponibili sul sito www.strikestories.com.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022