Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Storie di giovani che cambiano le cose: lo Strike di Ludovica Serafini

Criminologia e ambiente, uno strano connubio? Forse, ma non per Ludovica Serafini, criminologa ambientale selezionata tra i dieci finalisti del bando Strike, iniziativa rivolta a tutti i giovani tra i 18 e i 35 anni che hanno voglia di condividere quel pezzo della loro storia che li ha visti conquistare un obiettivo, piccolo o grande che sia.

Originaria di Comano Terme, comune trentino adagiato nel verde delle valli Giudicarie esteriori, Ludovica, 28 anni, ha visto crescere con lei l’amore e l’attenzione per la natura. Amore e attenzione che, alla luce dell’urgente bisogno di cure che oggi più che mai caratterizza il Pianeta, sono diventati il cuore del suo percorso professionale. «Sentendo sempre più parlare di crisi ambientale e cambiamento climatico, ho deciso di specializzarmi all’Università di Bologna in criminologia ambientale, che è una criminologia un po’ diversa – specifica sorridendo Ludovica – rispetto alla classica di CSI e Criminal Minds». In sintesi, prevenzione e repressione di attività criminali connesse all’ambiente, un percorso di studi che, unito al desiderio di vedere il mondo, ha portato Ludovica ad intraprendere numerosi tirocini ed esperienze all’estero, preziose occasioni per toccare con mano quanto di bello c’è oltre la valle della sua infanzia. «Che è bellissima – puntualizza Ludovica con una nota di orgoglio nella voce – ma c’è così tanto altro da scoprire!». Studi, esperienze e scoperte, dunque, in vista di un obiettivo che oggi è diventato realtà. «Proprio alcuni mesi fa ho raggiunto il mio Strike: lavorare al Parlamento Europeo a Bruxelles, in cui seguo prevalentemente la Commissione per l’Ambiente. Qui mi occupo di tutte le questioni relative a Green Deal, economia circolare, biodiversità e così via».

Pur occupandosi a Bruxelles delle tematiche a lei care in una dimensione europea e internazionale, di recente si è fatta sentire in lei anche la voglia di dare il suo contributo anche là dove tutto ha avuto inizio, le valli Giudicarie esteriori. «Sentivo la mancanza di fare qualcosa a livello locale, qualcosa di tangibile, e come non farlo in una valle così bella come la mia? E proprio qui, assieme ad alcune associazioni di volontariato, vogliamo sviluppare in primavera il progetto “Judicaria Plogging”». Come suggerisce il nome, l’obiettivo principale del progetto consiste nell’organizzare passeggiate, durante le quali, armati di passione e tanta buona volontà, i partecipanti raccolgano i rifiuti che troppo spesso macchiano il nostro paesaggio. Ma non è tutto. «Un secondo obiettivo invece è rivolgersi ai giovani: l’istruzione cambia il mondo ed è per questo che vogliamo anche programmare attività formative sul territorio per riscoprire il territorio stesso». Preziosi momenti per vivere la comunità, dunque, e preservare il contesto in cui si muove, con una particolare attenzione all’inclusione dei giovani, anche e soprattutto in un momento difficile a causa della pandemia.

Un bell’esempio quello di Ludovica, che da Bruxelles ci ricorda che il mondo si cura un passo alla volta, tutti insieme, con concretezza e umiltà, partendo innanzitutto dalle piccole grandi azioni che ognuno di noi, ogni giorno, può scegliere di compiere per iniziare a fare la differenza.

“Strike” è promosso da Agenzia per la Famiglia, Natalità e Politiche Giovanili (APF) della Provincia Autonoma di Trento e Fondazione Demarchi in collaborazione con Cooperativa Mercurio e Smart. Tutti i video degli Striker sono disponibili sul sito www.strikestories.com.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022